Il cambio frequenziale del pianeta sta lentamente influenzando ogni area della nostra vita oltre che avere una forte influenza sul nostro sistema neurovegetativo e ormonale, sul nostro corpo, sul cervello, sulla capacità di gestire le emozioni, i conflitti sociali.

Siamo ormai vicinissimi a quello che Gregg Braden ha definito Punto Zero. Un tempo di non ritorno che determina l’inarrestabile corsa verso l’Età dell’Acquario, con tutti gli inevitabili cambiamenti energetico-vibrazionali che stiamo osservando tutti i giorni nella vita di questo pianeta e di riflesso nella Galassia, specchio di un più ampio campo morfogenetico.

Mentre il “battito” della terra sta aumentando, la forza del suo campo magnetico sta diminuendo.

Il Punto Zero o, come viene definito, il Passaggio delle Ere, è stato predetto da tante antiche popolazioni per migliaia di anni. Molti passaggi sono avvenuti nel tempo, incluso quello che avviene ogni 13.000 anni ad ogni metà dell’anno 26.000, chiamato Processione dell’Equinozio.

L’evidenza di quello che sta accadendo ai nostri corpi, alle nostre emozioni, al nostro stato mentale, al nostro livello di comprensione spirituale ci dà spunti di riflessione che confrontati con i dati proposti da ricercatori come Braden e Giuliana Conforto possono darci altre chiavi di lettura e sostenere i contraccolpi che il nostro sistema sottile sta introiettando.

La nostra mente sta forzatamente abbandonando i suoi privilegi come campo chiamato Matrix, con vari fenomeni di disagio a livello cognitivo o di vere e proprie espressioni di alterità, aumento delle connessioni con i piani sottili o viceversa stati depressivi …

La Memoria storica collasserà come campo morfico di Forma –Pensiero risvegliandosi all’antica origine. Molti discendenti delle popolazioni indigene credono che quando la Terra attraverserà quello che la scienza chiama capovolgimento magnetico, ci sarà un grande spostamento e una grande pulizia della coscienza individuale e dell’intero pianeta, una pulizia che avverrà a livello del nucleo della memoria della coscienza.

Le fasce di Van Allen – gli “schermi” al plasma che avvolgono tutta la superficie terrestre – stanno svanendo (lo dimostrano le ricerche spaziali) e non nascondono più i mondi al di là.

Forze ancora si oppongono l’una all’altra come smembramento della polarità terrestre generando ancora separazione e conflitti. Stiamo vivendo solo uno dei tanti cicli della Storia Planetaria e Galattica e siamo giunti al termine di questo ciclo attuale. La sua conclusione non può non avvenire, come dimostrano i cicli passati, senza sconvolgimenti-assestamenti dell’intero sistema ambientale e di riflesso del nostro sistema neuro-vegetativo. Sono mutamenti che riguardano sia il corpo fisico che i piani dei corpi sottili e che stiamo già vivendo. Rappresentano la spinta evolutiva delle Epoche, l’inarrestabile espansione e contrazione dell’Universo.

La consapevolezza e la coscienza individuale vanno risvegliandosi secondo un nuovo paradigma olografico che ci porterà nel Nuovo Tempo.

Darshana degli Elohim di Luce

Stella del Meelkisedek

……………………………………

N.B. Di seguito alcuni articoli interessanti che possono dare un quadro generale sull’argomento

http://www.ilpuntozero.com/protagonisti-scienziati-e-visionari/gregg-braden/

…Il periodo che viviamo ora secondo il ricercatore è una fase di passaggio, un ” non tempo” la cui percezione da parte nostra è accelerata, al punto tale che le giornate sfuggono al consueto controllo e appaiono della durata di 16 ore. Secondo Bradden come molti altri autorevoli scienziati, tra cui Dmitrev- che parla di plasma magnetizzato- la Terra, spostandosi lungo la cintura fotonica, muove verso il centro della Galassia, la Via Lattea, sollecitata da una forza sconosciuta che sta mettendo repentinamente a disagio tanto i campi magnetizzati quanto la sua frequenza, quello che è riconosciuto come il ” battito cardiaco del pianeta”. Questo influisce non solo sul pianeta in quanto tale ma anche sul nostro corpo, sul cervello, sulla capacità di gestire le emozioni. Gli stessi picchi solari influenzano i nostri flussi di energia. Le tempeste solari degli ultimi anni, aumentate dalle 30/40 ‘anno alle oltre 300 al mese, sono solo l’espressione di come il nostro universo sia in continua evoluzione, coinvolgendo in un effetto a cascata il nostro piccolo mondo. Ne sarà così influenzata la realtà i ogni giorno, dal battito cardiaco alla risposta ormonale, dal sistema nervoso ai conflitti sociali…”.

…………………………………………………

http://www.giulianaconforto.it/?page_id=12

“..Nel 2013 il sole si era fermato, non aveva invertito la polarità come si aspettavano gli esperti. Il Polo Nord magnetico era scomparso e c’era rimasto solo il Polo Sud. Il bipolarismo non c’era più nel sole e forse, non a caso, in terra sorgevano coalizioni inattese che cercavano di conservare il classico gioco del potere: “divide et impera”. Il “gioco” domina le menti credenti con la logica del “nemico” su cui riversare rabbie e/o paure e mantenere intatto il suo asse portante: il credo nei limiti (tempo, denaro, energia). Il “gioco” si articola su programmi conditi sempre con l’ingrediente di base: “io ti salverò” dai pericoli, dal cambiamento climatico, dai debiti… etc.

Nel 2013 il “gioco” si era inceppato, così come si era bloccato il sole. Alla fine del 2013 ci sono stati dei botti di capodanno sul sole che non lasciano presagire una situazione stabile e lasciano presagire un fenomeno straordinario: la prova che la realtà non è quella che si è ripetuta finora. Tutto sta cambiando a ritmi accelerati, dimostrando che siamo nel bel mezzo di una straordinaria avventura, di fronte a novità impreviste. Il pilastro di qualsiasi potere – il sapere – frana miseramente di fronte a eventi che non hanno spiegazione “scientifica”.

I cambi più grossi riguardano il sole, la terra e tutti noi, terrestri.

Il campo magnetico solare, che è molto potente, sta per invertirsi da Nord a Sud entro i prossimi mesi. Questo evento avrà impatti su tutta l’eliosfera, una sorta di uovo magnetico largo circa un anno luce, entro il quale è immerso l’intero sistema solare (la distanza tra terra e sole è solo 8 minuti luce). I fisici solari hanno riconosciuto che il campo magnetico solare si inverte ogni 11 anni e quindi “don’t panic”, dice la NASA, “è già avvenuto tante volte”. Sono d’accordo; il panico è inutile e nocivo. Dovremmo piuttosto capire perché l’inversione prossima è totalmente anomala rispetto a tutte quelle precedenti e quindi prefigura cambiamenti e rivelazioni sorprendenti…”

……………………………………………….

Tecnologie Energetiche di 5° Dimensione

https://www.eos-energia-olografica-sistemica.com/cosa

Allineamento Assio-Tonale – Per tutti coloro che vogliono essere i pionieri di una rinascita globale, scopritori di un nuovo mondo e un nuovo modo di Essere.

Un nuovo rivoluzionario sistema quantistico che ci permette di ristabilire l’armonia e la salute nel nostro corpo fisico, nei corpi sottili, nella linea crono-genealogica karmica e in tutte le circostanze della nostra vita, riallineandoci, con nuove frequenze di guarigione olografica bio-cosmica, alle nostre più alte frequenze di luce, al Principio di Luce Originaria, l’Uno nell’Uno, campo morfico di rigenerazione e auto-guarigione. Spazio e tempo vengono annullati e la memoria olografica fa accedere alle memorie karmiche, inconsce e subconsce nella trasmutazione alchemica di Frequenza di Luce e Guarigione del Corpo energetico e del Campo Aurico favorendo, con il Risveglio, un forte recupero psico-fisico, di evoluzione della coscienza, di visualizzazione e attuazione della propria incarnazione, di riprogrammazione cellulare e attivazione del DNA animico multidimensionale, attivazione Ghiandola Pineale in preparazione dell cambiamento dimensionale in atto…”  (Darshana P.Tedesco)

……………………………………………………

NOTIZIE ATTUALI SUL PUNTO ZERO ( Diffuse da Bradden nel 2003)http://www.stazioneceleste.it/articoli/braden/notizie_attuali_sul_punto_zero.htm

Gregg Braden sta attualmente diffondendo notizie negli Stati Uniti e presso i vari media riguardo la prova scientifica del transito della terra attraverso lo Strato Fotone e il rallentamento della rotazione terrestre. Contemporaneamente si assiste ad un aumento della frequenza risonante della terra (Risonanza Schumann). Quando la terra arresterà la sua rotazione e la frequenza di risonanza raggiungerà i 13 cicli saremo nel campo magnetico punto zero. La terra arresterà la sua rotazione e nel giro di due o tre giorni comincerà a girare nella direzione opposta. Questo produrrà un’inversione del campo magnetico intorno alla terra e così via.

CONDIZIONE GEOFISICA N. 1: AUMENTO DELLA FREQUENZA DI BASE DELLA TERRA

La frequenza di base di fondo o “battito cardiaco” della terra (detto risonanza Shumann o SR) sta aumentando drammaticamente. Sebbene ci siano delle variazioni tra regioni geografiche, per decenni la misura complessiva era di 7,8 cicli al secondo. Un tempo si credeva che essa fosse costante; la comunicazione militare globale si sviluppò su tale frequenza. Da recenti rapporti si rileva un tasso di oltre 11 cicli. La scienza non ne conosce il motivo né sa che farci.

Gregg Braden ha trovato i dati raccolti da ricercatori norvegesi e russi; non è molto diffuso negli Stati Uniti (l’unico riferimento alla SR trovato nella sezione di riferimento della biblioteca di Seattle è connessa alla meteorologia. La scienza riconosce la SR come un indice sensibile delle variazioni di temperatura e delle condizioni metereologiche mondiali. Braden ritiene che la fluttuante SR possa essere un fattore che influisce sui violenti temporali, sulle inondazioni e sulle condizioni metereologiche degli ultimi anni).

CONDIZIONE GEOFISICA N. 2: DIMINUZIONE DEL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE.

A detta del Professor Bannerjee dell’Università del Nuovo Messico, il campo ha perso fino alla metà della sua intensità negli ultimi 4000 anni; inoltre a causa di un precursore di inversioni polari magnetiche in questa forza del campo, il Prof. Bannerjee ritiene che un’altra inversione debba accadere. Braden ne è convinto poiché questi cambiamenti ciclici sono associati alle inversioni e nella memoria geologica della terra relativa alle inversioni magnetiche si rilevano precedenti cambiamenti. Inoltre, nella vasta scala temporale presa in esame, ce ne sono stati diversi.

COS’È UNA RISONANZA SCHUMANN?

Credeteci o no, la Terra si comporta come un enorme circuito elettrico. L’atmosfera è in realtà un debole conduttore e se non ci fossero fonti di carica, la sua carica elettrica si disperderebbe in circa 10 minuti. C’è una “cavità” situata tra la superficie terrestre e il limite interno della ionosfera a 55 chilometri di altezza. In qualsiasi momento, la carica totale che si trova in questa cavità è di 500.000 Coulomb.

C’è un flusso di corrente verticale tra la terra e la ionosfera di 1 – 3 x 10^-12 Ampere per chilometro quadrato. La resistenza dell’atmosfera è di 200 Ohm. Il potenziale di voltaggio è di 200.000 Volt. In qualsiasi momento, ci sono circa 1000 temporali nel mondo. Ciascuno di essi produce da 0.5 a 1 Ampere e collettivamente rendono conto del flusso della corrente misurata nella cavità “elettromagnetica” terrestre.

Le Risonanze Schumann sono onde elettromagnetiche quasi permanenti che esistono in questa cavità. Come le onde di una sorgente, non sono presenti in ogni momento, ma devono essere “eccitate” per poter essere osservate.

Non sono provocate da qualcosa di interno alla Terra, dalla sua crosta o dal suo centro. Sembra che siano connesse all’attività elettrica dell’atmosfera, specialmente durante periodi di intensa attività di fulmini. Hanno luogo a diverse frequenze tra i 6 e i 50 cicli al secondo; in particolare 7,8, 14, 20, 26, 33, 39 e 45 Hertz, con una variazione giornaliera di circa +/- 0,5 Hertz. Fino a quando le proprietà della cavità elettromagnetica terrestre rimangono abbastanza costanti, queste frequenze restano invariate. Presumibilmente c’è qualche cambiamento dovuto al ciclo solare della macchia solare dato che la ionosfera terrestre cambia con un ciclo di 11 anni dell’attività solare. Le risonanze Schumann si vedono più facilmente tra i 2000 e i 2200 UT.

Dato che l’atmosfera terrestre conduce una carica, una corrente e un voltaggio, non è sorprendente trovare tali onde elettromagnetiche. Le proprietà risonanti di questa cavità terrestre furono preannunciate per la prima volta dal fisico tedesco W.O. Schumann tra il 1952 e il 1957 e rilevate per la prima volta da Schumann e Konig nel 1954. La prima rappresentazione spettrale di questo fenomeno fu preparata da Balser e Wagner nel 1960. La maggior parte della ricerca degli ultimi 20 anni è stata condotta dal Dipartimento della Marina che studia la comunicazione a Frequenza Estremamente Bassa con i sottomarini.

Per ulteriori informazioni, vedi: “Handbook of Atmospheric Electrodynamics, vol. I”, di Hans Volland, 1995 pubblicato dalla CRC Press. Il capitolo 11 è interamente dedicato alle Risonanze Schumann ed è scritto da Davis Campbell del Geophysical Institute, University of Alaska, Fairbanks AK, 99775. C’è anche una storia di questa ricerca e una bibliografia estensiva.

RISULTATI POSSIBILI

Si avrà l’impressione che il tempo scorra più velocemente man mano che ci si avvicina al Punto Zero. Un giorno di 24 ore apparirà come un giorno della durata di circa 16 ore o meno. E’ bene ricordare che la Risonanza Schumann (o “battito cardiaco” di Madre Terra) è stata di 7,8 cicli per migliaia di anni, ma è in continuo aumento dal 1980. Attualmente è a circa 12 cicli. Si arresterà ai 13 cicli.

Il Punto Zero o il Passaggio delle Ere è stato predetto da antiche popolazioni per migliaia di anni. Ci sono stati molti passaggi incluso quello che avviene ogni 13.000 anni ad ogni metà dell’anno 26.000, Processione dell’Equinozio.Il Punto Zero o un’inversione dei poli magnetici probabilmente accadrà presto, nel giro di pochi anni. Potrebbe sincronizzarsi con il bioritmo terrestre di quattro cicli che ha luogo ogni 20 anni il 12 Agosto. La prossima ricorrenza è il 12 Agosto 2003. L’esperimento Philadelphia e il Progetto Montauk (segreto viaggio militare nel tempo) chiusero il 12 Agosto/bioritmo ventennale.Si dice che dopo il Punto Zero il sole sorgerà ad ovest e tramonterà ad est, approssimativamente. Avvenimenti passati di questo cambiamento sono stati ritrovati in antiche rilevazioni.E’ interessante sapere che il Nuovo Ordine Mondiale si avrà entro il 2003.

Ciò può accadere oppure no, dato che dipende da molti fattori. State centrati e seguite il vostro intuito.

Il Balzo del Punto Zero probabilmente ci introdurrà nella quarta dimensione. In essa, ogni cosa si pensi o si desideri si manifesta all’istante. Sia che si tratti di amore che di paura. La nostra INTENZIONE sarà della massima importanza.La maggior parte della tecnologia che conosciamo smetterà di operare. Eventuali eccezioni potrebbero essere le tecnologie basate sul cosiddetto “Punto Zero” o energia libera.Il nostro corpo fisico cambia man mano che ci avviciniamo al Punto Zero. Il nostro DNA verrà “promosso” a 12 filamenti. Si creerà un nuovo corpo leggero. Diventeremo più intuitivi.Il calendario Maya predisse tutti i cambiamenti che stanno accadendo adesso. Dicono che stiamo superando l’età tecnologica e tornando ai cicli naturali della natura e dell’universo. Entro il 2012 saremo entrati nella 5^ dimensione (dopo il passaggio alla 4^ dimensione al Punto Zero).Tutte queste informazioni non devono risultare allarmanti. Siate preparati ai cambiamenti che porteranno alla nuova era di luce. Stiamo andando aldilà del denaro e del tempo dove i concetti basati sulla paura si dissolveranno del tutto.

versione in lingua originale su: www.newconnexion.net/article/03-04/braden.html

NOTE di Pietro Abbondanza da Stazione Celeste http://www.stazioneceleste.it/articoli/braden/notizie_attuali_sul_punto_zero.htm

*Le affermazioni relative alla variazioni della Risonanza Schuman fatte nel 95 da Gregg Braden nella conferenza “Risvegliarsi al Punto zero” non sono state confermate dall’evidenza dei fatti. Sono passati oltre 10 anni da quella conferenza e possiamo dire con certezza che non c’è mai stata alcuna variazione oggettiva della frequenza di Schumann. Lo stesso Braden in una sua intervista del 2002  pur parlando dell’ipotesi dell’inversione dei poli non ha fatto alcun riferimento alla Risonanza Schumann, c’è stato poi un altro articolo di un diverso autore, apparso sulla rete intorno al 2003  in cui si affermava che la Risonanza Schumann fosse arrivata ad 11 da 8,6 che ra nel 94. è evidente che se questa ipotesi fosse stata vera Greg Braden non avrebbe esitato a dirlo nella sua intervista e nelle sue successive conferenze. E’ chiaro che Gregg ha fatto un passo indietro, infatti nel libro “Il mistero del 2012” (2007) c’è un suo articolo sul 2012 in cui l’autore parla di indebolimento del campo magnetico ma non fa alcun riferimento alla Risonanza Schumann. Parrebbe quindi che la fonte dell’informazioni a cui Braden fece riferimento (che secondo questo articolo è il libro “Handbook of Atmospheric Electrodynamics, vol. I”, di Hans Volland, 1995 ) esprimevano una ipotesi che poi non è stata confermate dall’evidenza dei fatti.

Inoltre nel 2006 su stazioneceleste è stato pubblicato un articolo di Alessandro de Frassine in cui viene riportate delle rilevazioni della risonanza Schumann dalla quale risulta non essere mai variata.

Con questa precisazione non si vuole sminuire il lavoro di ricerca di Gregg Braden: le sue conferenze, i suoi articoli ed i suoi libri contengono informazioni che hanno dato e continuano a dare tantissimi spunti di riflessione e consapevolezza. Sarebbe bene però, per non compromettere la nostra stessa credibilità, non citare più la Risonanza Schumann come prova fisica dei cambiamenti della terra.

Del resto anche se la risonanza Schumann non è variata è vero che il mondo e soprattutto ognuno di noi dal 1995 è molto cambiato, ma le principali prove di questo cambiamento sono da ricercarsi principalmente dentro sé stessi.