Seguici su Facebook

EOS Galaxy Radio

Ultime novità

Channeling e messaggi

PORTALE DI LIBERAZIONE 7-7-7 ( 7 luglio 2014) L’attesa della Nuova Genesi-ELOHIMSTARS

Messaggio degli Elohim di Luce al Popolo Arcobaleno

Tramite il canale di Darshana degli Elohim di Luce-Stella del Melkisedek

“Nuovi scenari economici si avvicenderanno nei prossimi mesi e questo portale planetario rappresenta l’inizio di un ciclo che condurrà verso l’affrancamento dalle dipendenze.

Liberarsi dalle larve dei pensieri che contrastano con il senso di Verità del nostro cuore sarà un imperativo per progredire verso la Realizzazione.

Ogni pensiero può contenere aspetti di dissonanza se non è volto verso l’affermazione della Verità di questo Tempo: rispetto-gratitudine-amore-verità-compartecipazione.

L’ordine mondiale delle vecchie strutture economiche di potere crollerà come un baluardo di fronte alla scelta consapevole delle migliaia di menti che si stanno risvegliando alla Vita grazie alla forza propulsiva della Galassia.

Portate le vostre vite verso la Rettitudine e il Servizio. La volontà e il potere di realizzare ogni cosa nella condivisione e accettazione del Bene Comune.

L’accettazione è il potere di far nascere ogni cosa manifesta come essa E’. Poiché essa è Amore come esperienza della Divina Coscienza Illuminata.

 

L’Azione Consapevole rende possibile la Manifestazione così come è destinata per ciascuno nella libertà dai vincoli karmici.

Il ciclo che si compie sta raggiungendo prospettive di crescita generate da nuovi scenari che si avvicenderanno, non senza difficoltà, dolore e perdite.

L’economia globale genererà importanti cambiamenti se saprete co-creare in voi quella mediazione necessaria tra umano e divino, inteso come Coscienza Universale Illuminata.

Non c’è cosa peggiore che finire nell’oblio della propria sofferenza.

Questo Passaggio sia reso il migliore possibile, attraverso lo strumento del discernimento, della perseveranza e della Fratellanza Globale. L’Ottava Superiore del Nuovo Popolo Arcobaleno.

Un dovere nei confronti dei Regni succedanei ma anche un dovere rispetto ai vostri Sé espansi. Verso la Fratellanza Cosmica e verso i Maestri di tutti i Tempi.

La fine di un modo di pensare la propria realtà. La materia che voi chiamate fisica è la conseguenza del vostro modo di pensare.

Molti saranno gli ingannati da falsi profeti.

“Uno sarà preso e l’altro lasciato”

Sarete riconosciuti attraverso la vibrazione del vostro cuore, del vostro corpo.

La frequenza di luce che vi inonderà e vi connetterà alle Forze più pure della Coscienza Universale Illuminata.

 

Lasciatevi permeare dalla Luce nella Luce nell’Aurora che Noi Siamo.

Siete Luce-Frequenza-Suono- Informazione.

Il colore-suono della vostra frequenza innalzata e purificata sarà riconosciuto e scelto.

Giunto è il Tempo della Seconda Venuta, la Nuova Genesi: riconoscere il Divino nella Sostanza delle Cose e per ciò stesso della Vostra stessa sostanza.”

Messaggio degli Elohim di Luce al Popolo Arcobaleno*

©Tramite il canale di Darshana degli Elohim di Luce-Stella del Melkisedek

…………………………………………………………..

Leggi per approfondimento, della stessa autrice

Azione Consapevole-Stato Interiore e Karma

http://elohimstars.org/blog/entry/insegnamenti/azione-consapevole-stato-interiore-e-karma-1

…………………………………………………………..

“Uno sarà preso e l’altro lasciato” Luca 17,22-37

Gesù annuncia la sua seconda venuta
De 30:3; Da 9:26; Mt 24:3-42; At 1:11
22 Disse pure ai suoi discepoli: «Verranno giorni che desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, e non lo vedrete. 23 E vi si dirà: “Eccolo là”, o “eccolo qui”. Non andate, e non li seguite; 24 perché com’è il lampo che balenando risplende da una estremità all’altra del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. 25 Ma prima bisogna che egli soffra molte cose, e sia respinto da questa generazione.
26 Come avvenne ai giorni di Noè, così pure avverrà ai giorni del Figlio dell’uomo. 27 Si mangiava, si beveva, si prendeva moglie, si andava a marito, fino al giorno che Noè entrò nell’arca, e venne il diluvio che li fece perire tutti. 28 Similmente, come avvenne ai giorni di Lot: si mangiava, si beveva, si comprava, si vendeva, si piantava, si costruiva; 29 ma nel giorno che Lot uscì da Sodoma piovve dal cielo fuoco e zolfo, che li fece perire tutti. 30 Lo stesso avverrà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo sarà manifestato.
31 In quel giorno, chi sarà sulla terrazza e avrà le sue cose in casa, non scenda a prenderle; così pure chi sarà nei campi non torni indietro. 32 Ricordatevi della moglie di Lot. 33 Chi cercherà di salvare la sua vita, la perderà; ma chi la perderà, la preserverà. 34 Io vi dico: in quella notte, due saranno in un letto; l’uno sarà preso, e l’altro lasciato. 35 Due donne macineranno assieme; l’una sarà presa e l’altra lasciata. 36 [Due uomini saranno nei campi; l’uno sarà preso e l’altro lasciato.]»
37 I discepoli risposero: «Dove sarà, Signore?» Ed egli disse loro: «Dove sarà il corpo, là pure si raduneranno le aquile».

Guarda per approfondimento il video di Salvatore Brizzi

UNO SARA’ PRESO, L’ALTRO LASCIATO – EVOLUZIONE O INVOLUZIONE

Accorgersi che l’Amore non ha strutture-Elohimstars

” Conversazioni con gli Elohim di Luce”

Chi soffre è la personalità, quella memoria che Noi chiamiamo ricordo, storia personale, vissuto, esperienza del dolore o del tradimento o dell’abbandono. Ologramma quantico del Vissuto Divenire.

Niente ti separa dalla gioia se non quella parte che riverbera in te come separazione, paura.

Staccare la vecchia pelle, definitivamente, quella patina logora, stanca degli innumerevoli conflitti generati nel Tempo…quella allure che Noi vediamo come una nebbia leggera che offusca il tuo corpo eterico.

Accorgersi che l’Amore non ha strutture…quelle capsule di ciclicità che agiscono le tue azioni, i tuoi pensieri, i tuoi gesti, ogni aspetto in cui come Persona ti identifichi, dimenticando l’Essenza, lasciando morire un po’ al giorno la scoperta e l’avventura di un’altra possibilità…Uno Spazio dove lasciar andare ogni paura.

Affidarsi alla Superiore Forza della Luce Suprema.

Ecco Ora sono presenti il Passato e il Futuro. I due aspetti si incontrano e si specchiano.

L’uno obsoleto ma importante, ha generato Epoche.

L’altro nuovo tutto da conoscere e per ciò stesso Ignoto, Oscuro…

Eppure l’unica via da percorrere Ora!

Stando così come due amanti in fuga, l’uno di fronte all’altro, simili. Ma diversi.

Due aspetti di una polarità che si sta spegnendo. Per sempre.

Di un Tempo che se ne va. Per sempre.

L’istante di Ora che già non c’è più nel Fra un Attimo in cui è Futuro.

©Darshana degli Elohim di Luce- Stella del Melkisedek

Da ” Conversazioni con gli Elohim di Luce”

 

5° Dimensione-Risveglio e Nuova Specie- 1° parte – Conversazioni con gli Elohim di Luce

Un nuovo portale si é aperto in questi giorni in cui nel cielo si disegna la croce, congiuntura tra quattri pianeti, punto zero dell’Allineamento Galattico.

Gli Elohim di Luce e il Melkisedek Sempre Veniente da tempo mi comunicano messaggi per il nuovo tempo, attraverso le potenti visioni dei Territori in cui l’Umanità si dirige.

Unità di tutte le cose significherà una Nuova Visione, in ciascuno dei cuori ricettivi al Cambiamento, scaturita dalle vibrazioni che stanno giungendo, attivando i nostri corpi energetici. Espansione e consapevolezza attraverso nuove percezioni e ” qualità” dell’Essere Risvegliato.

Ecco l’eco della loro voce attraverso la particolare forma di channeling in cui vivo la totale “compenetrazione” della loro splendente Essenza che mi giunge come Verbo, parola Rivelata, che condivido nei miei satsang:

“...questo il Tempo di far parte di un’utopia, di un progetto, di un’idea, di sogno, di qualcosa che ti sembra impossibile da realizzare, eppure lo desideri, lo immagini, ne hai letto,ne hai sentito parlare. 

Vorresti farne parte, ti senti partecipe, queste sono le azioni, i pensieri che fanno si che Tu appartenga alla nascita di questo Nuovo Tempo, la Transizione verso il Cambiamento.

Hai scelto di essere qui, ti sei incarnato per essere qui in questo tempo, in questo spazio di transizione in cui tu ti riconosci ancora in ciò che sei eppure non sei già più quello.

Il Nuove Essere che si sta formando in Te e attraverso di Te é qualcosa di diverso, é completamente nuovo.

Noi la chiamiamo la Nuova Specie Arcobaleno. E’ un Essere Nuovo che si sta staccando da ciò che é sempre stato così come nel processo collettivo appare necessario.

All’apice della sua crescita, all’apice estremo della sua perfetta scelta, l’Uomo si evolverà in una Nuova Specie. I suoi caratteri esteriori ed interiori saranno totalmente diversi da ciò che sei abituato a vedere, percepire, da ciò che hai sempre letto o saputo, di che cosè l’uomo organico.

La Nuova Specie Arcobaleno andrà formandosi nell’arco di un tempo che noi chiamiamo transizione. Il Processo di Evoluzione é in atto da molto tempo, da più di  duemila anni. Epoche preparatorie a ciò che il Nuovo Essere sta divenendo.

La sua struttura energetica e vibrazionale sarà completamente diversa. Le facoltà mentali saranno evolute e per certi aspetti completamente diverse.

Non tutta l’Umanità farà parte di questo processo. Non tutta l’Umanità é consapevole di questo processo. Non tutta l’Umanità potrà farne parte.

Come in tutti i processi evolutivi le speci si adattano ai cambiamenti. Qualcosa rimane e qualcosa si evolve. Così sarà anche per questo Uomo Nuovo. Qualcosa di esso rimarrà per sempre fermo, ancorato a dove era, all’apice della sua grandezza, in bilico tra evoluzione e disfacimento, e qualcosa si evolverà verso nuove direzioni, verso nuove acquisizioni, capacità.

Verso una nuova pelle, un nuovo corpo, una nuova mente. Verso qualcosa che trascenderà definitivamente gli Spazi delle Ombre.

Qualcosa che conterrà l’Arcobaleno delle emozioni come una varietà di colori equipollenti, senza altilenanze, senza sbalzi.

Le qualità cromatiche della Luce Piena. Luce nella Luce.

La Nuova Specie Arcobaleno é il Figlio dell’Uomo. Eè il Figlio che tu saprai generare. Quando Shakthi e Shiva si incontrano nell’alcova della camera segreta del cuore, lo fanno affinchè il Padre e la Madre Divini generino il Figlio, colui che permette la Discesa del Padre-Madre- Spirito Santo-Animus Anima.Hunab Ku.

Quel Figlio sei Tu.Tu ora condurrai il Padre-Madre verso la Specie Suprema, verso la Specie che si avvicina alle qualità più alte dell’animico divino.

Sarai Tu a condurre il Padre-Madre nell’alcova sacra dell’Unione Alchemica di Luce.

Se é questo che Tu hai cercato dal tempo dei tempi, non lasciarti incantare dall’Apocalisse elettronica che sa costruire specchienti riverberanti, immagini, forme, strutture, con cui avviluppare l’anima pura del ricercatore…

Non lasciarti  distrare da nulla, sii fermo nel tuo obiettivo,. Se questo é il desiderio profondo del tuo cuore: accompagnare il Padre-Madre ed essere Uno con essi, nel Sacro Graal, nella Coppa  Alchemica, nel Sacro Suono, nel punto di luce  dove risiede il cuore di Dio, che é dentro di te, nella tua Ghiandola Pineale attivata, otterrai l’amrita che ti donerà la Visione Suvramentale”

Solo con l’Amore-Luce Super-Coscienza e spirito di comunità.

Il canto del vero Sé Galattico é parte della musica delle sfere, spirale del Tempo.

Tendere l’arco del Gesto e del Canto per sviluppare un vortice, divoratore del caos e del cosmo. Radianza e Sintonia .

L’Aurica essenza del Tutto cio che é, il Corpo Celeste del Nuovo Mondo.

Insegnamenti degli Elohim di Luce

Tramite il canale di Darshana degli Elohim di Luce –Stella dell’ Ordine di Melkisedek

Copyright Elohimstars.org

Allineamento Galattico al Christos Cosmico – Seconda Venuta 22-12=1111111/ 2013=6=33(3)

Messaggio di luce dal Melkisedek Sempre Veniente canalizzato da Darshana degli Elohim di Luce

Anime di Luce, Il Passaggio preannunciato è in atto.

Fratelli della Nuova Specie del Popolo di Luce Arcobaleno- Figli della Nuova Terra. Guerrieri dell’Unico Raggio Arcobaleno.

Ogni cosa si evolve se tu ti evolvi. Nulla più sarà come prima.

La Coscienza Cosmica è l’opportunità che la SuperOnda Galattica in azione ti dona come spazio di trasmutazione.

In questo Tempo di Transizione molte cose perdono di significato perché legate al vecchio paradigma.

Elevare tutte le forme di vita, i Regni presenti nella Natura Vivente che è l’organismo di Gaia, la Terra, è il compito delle Maestrie Solari.

Preparati all’Unione Sacra tra il tuo Sé Superiore e il Sé Galattico, il Sacro Cuore Unificato della Coscienza Cristica, la Consapevolezza del dodicesimo sigillo dell’Unione di Intenti: Le Forze Ricettive e le Forze Agenti unite come singole parti sacre del processo di riallinaemento alla Coscienza Cristica degli Elohim di Luce dove tutte le Maestrie si stanno riunificando, risplendendo in un unico mandato definito

Manifestazione della Seconda Venuta.

Le profezie sono la manifestazione vivente che l’Umanità da sempre ha memoria di sé e della sua provenienza.

Dal tuo Cuore al Cuore del Pianeta, al Cuore della Galassia.

Questa è una rivoluzione, stiamo scardinando ogni sistema che non vibri con il massimo intento di evoluzione ad una coscienza superiore umana-divina, lo spazio suvramentale dove l’ascensione sarà possibile.

I Dodici Cicli definiti della Verità Interiore come Portali sono le scansioni astrali , le dodici chiavi alchemiche che stiamo attraversando per giungere alla Totalità dell’Essere Galattico, infrangere il muro della separazione dei linguaggi e delle vibrazioni e superare la storia del karma della vostra specie per attivare la chiave del 13° sigillo di ingresso alla Gerusalemme Celeste- Shamballà.

Dentro di voi avete l’universo intero e tutta la vostra storia non é altro che un Logos Cosmico…essere consapevoli di fare parte di questo Tutto vi da anche gli strumenti per cavalcare la SuperOnda galattica del cambiamento in atto.

La Mer-Ka-Ba Arcobaleno vi è stata annunciata, il suo Suono e le sue Frequenze vi sono state donate per la guarigione olografica bio-cosmica, attivare le vostre facoltà che sono lo scopo della razza umana terrestre e cavalcare l’Onda di potente trasmutazione dimensionale che attraverserete.

Integrità, perseveranza, onestà, dedizione allo scopo del più alto Sé Divino nella comunità umana. Ai cuori ricettivi si mostrerà nel parhelio detto dei due Soli, il Linguaggio del tuo Cielo e del tuo Sole affinchè tu possa ricordare lo scopo del tuo essere Custode della Terra e abbattere la separazione e l’inganno con la Legge dell’Amore: Uomini e Donne del Sacro Femminino Cosmico nell’Unione Alchemica del Sacro Cuore Unificato.”

Copyright : Messaggio di luce dal Melkisedek Sempre Veniente canalizzato da Darshana degli Elohim di Luce , 22-12-2013

” Le Lune e i Soli e l’orizzonte di Essi” visione di Darshana del 1986

IL CANTO DEL VERO SE’ GALATTICO- Dialoghi con gli Elohim

Dialoghi sull’Uomo con gli Elohim di Luce-Tramite il canale di Darshana degli Elohim di Luce- Stella dell’ Ordine di Melkisedek

...il Respiro dell’Universo é ciclico, tra una fase di inspiro -contrazione e di espiro-espansione c’è un attimo di apnea. In quello spazio di vuoto cosmico dobbiamo poter generare l’Azione Consapevole.

E’ un momento di apparente silenzio dove il fuoco alchemico, trasmuta e divora, rigenerando la ciclica ruota del tempo tra le leggi della Creazione e la Caduta.

Oltre ogni misura di spazio -tempo il principio del Non Nato genera il Silenzio.

Ogni cosa apparentemente nel Caos prepara il Non-Tempo.

La Babele dell’apocalisse elettronica limita il fluire della vostra Volontà.

Come si può riconciliare la dualità della creazione che credete vostra? Come si può superare l’estremizzazione della polarità che vi appare come fenomeno astrologico, ambientale e fisico?

Solo con l’Amore-Luce Super-Coscienza e spirito di comunità.

Il canto del vero Sé Galattico é parte della musica delle sfere, spirale del Tempo.

Tendere l’arco del Gesto e del Canto per sviluppare un vortice, divoratore del caos e del cosmo. Radianza e Sintonia .

O figlia del Vortice Eterno in te dimora il Cantore, dimora e precipizio.

Spalancate le fauci dell’Abisso innalza lo Spirito fiammeggiante. Apri il varco alla Venuta della Realizzazione, lo spazio-frattalico della Parola Incarnata.

Il volto della Monade ti appare.

Manifesta la Freccia, unisci gli opposti, sigillo alchemico di acqua e fuoco col nome di Aurora e reca la nostra Grande Opera.

Ora che il divenire del pianeta definito Terra si sposta oltre la linea di confine, oblio magico e inerte, la Nuova Specie androgina che arde di energia di luce orgonica , la somma di ogni passato e la radice di ogni futuro della razza terrestre, sarà il Non Nato al servizio della Verità – Bene -Abbondanza -Manifestazione.

L’Aurica essenza del Tutto cio che é, il Corpo Celeste del Nuovo Mondo.

Il Tempo Multidimensionale e Passaggio

Insegnamenti degli Elohim di Luce

Tramite il canale di Darshana degli Elohim di Luce

Ordine di Melkisedek

Amati come Amati della Nostra Stirpe d’Ogni Dove.

Siamo a voi dall’Eterna Sorgente per sostenervi attraverso le fasi di allineamento che si stanno generando nel vostro sistema corporeo e spirituale  e nel vostro pianeta vivente.

La dimensione del Tempo è una struttura della Mente che sogna il Sogno.

La sua stessa percezione è illusoria e parziale, ancorata all’esperienza personale, di specie, di razza .

Voi da sempre avete generato il vostro Tempo attraverso le azioni separate dall’esperienza del Dio Vivente.

Il Tempo è Ora!

Nella Natura Vivente il Tempo è ciclico e per ciò stesso Infinito. Non ha inizio né fine.

Appartiene al flusso del respiro del Cosmo generato dal Soffio Supremo.

I portali predisposti in questi ultimi anni hanno squarciato il velo dell’illusione che teneva ancorata la visione terrestre preparandola al Passaggio chiamato Nuova Era e preparato dalle Maestrie di Tutti i Tempi Cosmici che avverrà nei tempi predisposti dalle Leggi Universali.

Noi Giungiamo da Sempre con il Melkisedek –Sempre Veniente a generare i Nuovi Mondi, Passaggi Spazio-Temporali di Consapevolezza. E chiamiamo a noi le Leggi stabilite nel Sacro Patto di Alleanza Cosmica nel Tempo chiamato HArché di Geometria Sacra. Così è- Così è- Così é.

Attraverso la compenetrazione del canale che vi scrive noi giungiamo nella fisicità manifesta e irradiamo sul piano fisico il Sé Galattico, dalla prima stazione  di 5° dimensione che vivrà il Tempo dell’Anima Cosmica, del Crhystos Interiore Omnipervadente : ” Io Sono qui e in Ogni Dove”.

Il Corpo Olografico dell’esperienza Totale.

La consapevolezza globale che ora viene guidata dagli Elohim di Luce attraverso il canale che vi scrive è l’Energia Olografica irradiata che porterà a superare la barriera dello spazio-tempo per guarire il passato-memoria e generare il futuro come Sé presente. Il Sé Manifesto: “Io Sono Te e Tu Sei Me”.

Ogni cosa vissuta nell’Istante presente è Infinita e perciò stesso già accaduta e accadendo accade.

Il Tempo che vivete in questo contraddittorio spazio-tempo di terza dimensione ha una parzialità che viene generata dalla Coscienza che voi chiamate Mente: ricorda, vive, proietta.

Il Tempo della Transizione o 4° dimensione cha già state vivendo, anche se molti di voi non hanno nessuna percezione di questo, genera la perdita di vecchie strutture spazio-temporali tra cui il Karma di specie.

Ciò necessita di frequenze molto veloci che stiamo restituendo alla Mente Umana di Specie Terrestre come Coscienza Risvegliata, attraverso l’attuazione, veicolata dal canale che vi scrive, della Guarigione Olografica Bio-Cosmica, vibrazione UniSonante della Eterna OM per permettere alla Merkaba Arcobaleno di generare il Corpo Cristallino di Luce.

Il Tempo della Mente Suvramentale dell’Umano Divino di 5° dimensione è la Nuova Specie Terrestre ancorata al Sé Galattico-Terzo Sé della Triplice Fiamma del Sacro Cuore Cosmico Unificato.

Accetta e Scegli di divenire Radianza per la Sacra Evoluzione della Nuova Specie Terrestre.

Siamo con Voi in Uno nell’Uno.

Amore, Pace , Gloria, AL’EL’OHIM

………………….

Channelling dagli Insegnamenti degli Elohim di Luce

Tramite il canale di Darshana degli Elohim di Luce

Ordine di Melkisedek

Il fenomeno del Channeling

Rispetto al passato, questo nuovo modo di intendere la medianità ha comportato una notevole facilitazione e diffusione del fenomeno. Ad un osservatore esterno, una seduta di channeling può apparire effettivamente non più impegnativa di una passeggiata nel centro storico.

Niente più tavolini che si alzano, sedie e mobili che si muovono, cambiamenti di voce, apparizioni di spettri ed altri strani fenomeni. Adesso, il medium della Nuova Era, detto “canale” o “veicolo”, entra generalmente in un leggero stato di trance (o al massimo una trance profonda, ma sempre molto tranquilla) e comincia a parlare con la sua voce (magari cambia un po’ l’inflessione), presentandosi come un’entità disincarnata o come un’extraterrestre proveniente da una lontana galassia e dicendo cose più o meno strane o interessanti, ma difficilmente più strane o più interessanti di quelle che si trovano in molti testi New Age.

In effetti, mentre un tempo, per convincere la gente, un medium fraudolento doveva produrre quantomeno dei trucchi ingegnosi, oggi ad un “canale” in cattiva fede può essere sufficiente rilassarsi, affermare di essere il tipo di entità di cui sopra, snocciolare qualche storiella di fantascienza o una dottrina spirituale creata mettendo insieme nozioni tratte da vari libri per attirare un seguito più o meno numeroso e guadagnare un bel po’ di soldi (in Italia, il prezzo di una seduta di channeling può arrivare ai 100 euro).

Tuttavia, non è il caso di liquidare frettolosamente il channeling come un fenomeno di moda privo di sostanza perché, ad un esame più attento, ci si accorge che contiene degli elementi di grande interesse. Il fatto che sia facile imbrogliare non significa che tutti debbano farlo. Le parole di molti canali, ma anche il fenomeno del channeling in generale, invitano a riflettere seriamente sui cambiamenti che stanno accompagnando l’Era dell’Acquario. Vediamo in che modo.

LE ORIGINI

Innanzitutto, come nasce il channeling? La psicologa americana Kathryn Ridall, praticante oltre che studiosa di questa disciplina, ne fa risalire le origini alle antiche culture sciamaniche, in cui gli sciamani entravano in trance per mezzo di canti e danze per fondersi con gli spiriti degli animali e imparare ad usare i loro poteri.

Anche nell’antica Grecia, dei veicoli specificamente addestrati, i cosiddetti oracoli, entravano in uno stato di trance profonda in cui potevano ricevere i messaggi degli dei. Nel diciottesimo secolo, troviamo invece il celebre sensitivo svedese Emmanuel Swedenborg, che trascorse l’ultimo decennio della sua vita conversando con gli spiriti e con gli angeli.

Per quanto riguarda il secolo successivo, la Ridall fa riferimento alla fioritura di fenomeni spiritistici (dalle sorelle Fox a Florence Cook che materializzava le forme degli spiriti guida), ma bisogna operare una distinzione molto importante tra lo spiritismo e il channeling. Lo scopo degli attuali veicoli non è contattare gli spiriti dei defunti, come facevano invece di solito i medium dell’Ottocento, bensì attrarre delle guide esistenti in dimensioni superiori alla nostra e generalmente mai incarnatasi in un corpo umano.

Uno dei primi medium a raccogliere messaggi spirituali da parte di evoluti esseri disincarnati fu, agli inizi del nostro secolo, l’americano Edgar Cayce. Il celebre Profeta Dormiente, come veniva chiamato, entrava in un profondo strato di trance nel quale veicolava informazioni che gli permisero poi di scrivere alcuni libri di carattere medico ed altri su Atlantide, il “continente perduto” e sui possibili futuri cambiamenti spirituali e geologici della Terra.

Agli anni Cinquanta risale, invece, il fenomeno Eva Pierrakos, la celebre sensitiva di origine austriaca che canalizzò gli insegnamenti di una Guida spirituale e li raccolse nelle 258 “lezioni” di uno straordinario cammino spirituale denominato “Il Sentiero”.

A metà degli anni Sessanta, poi, Jane Roberts entrò in contatto con un’entità chiamata Seth che, nell’arco di circa un ventennio (la Roberts è scomparsa nel 1984), le trasmise abbondante materiale sulla natura della realtà personale e collettiva, della creatività e dell’io multidimensionale dell’essere umano. La Roberts raccolse e diffuse con grande successo questo materiale in una ventina di testi, in parte pubblicati anche in Italia.

Negli anni Settanta si sviluppò, soprattutto nel nostro Paese, un’altra corrente di channeling che ancora oggi vanta diversi seguaci. L’iniziatore fu il maestro indiano Baba Bedi (il padre di Kabir Bedi, il celebre Sandokan televisivo) che, trasferitosi in Italia, fondò a Milano il Centro di Filosofia Acquariana, nel quale fino al 1993, anno della sua scomparsa, diffuse la sua dottrina e insegnò, tra le altre cose, quella che egli definiva la “comunicazione con gli spiriti sacri”, ovvero la “versione indiana”, senz’altro più antica, del channeling.

Negli ultimi dieci anni, il channeling – o “comunicazione interiore”, come lo definisce la Ridall – sta vivendo un periodo di popolarità sempre crescente. Ci sono tantissime persone che lo praticano per professione ed offrono consultazioni e seminari ad una clientela sempre più vasta. Un po’ ovunque, soprattutto negli Stati Uniti, si tengono corsi su come diventare “canali”. “Forse l’aspetto più interessante di questo fenomeno”, scrive la dottoressa Ridall in Veicoli di luce, “risiede nella sua democraticità.

Per quanto siano emerse alcune ‘celebrità, la maggior parte dei veicoli afferma in tutta sincerità che chiunque può avere accesso diretto agli insegnamenti spirituali. Mentre in alcune culture la comunicazione interiore è stata considerata dominio assoluto di un’élite di persone o qualcosa fuori dell’ordinario, al giorno d’oggi viene considerata una capacità che ciascuno di noi possiede”.

I “CANALI”

In effetti, è proprio questa una delle principali novità del channeling, e anche, forse, il motivo principale della sua diffusione: ognuno può diventare un “canale”, basta che ci creda, si rilassi e provi a fare certi esercizi. Come si sostiene nella maggior parte degli insegnamenti New Age, tutti possiamo avere accesso a forme di conoscenza superiore, purché riusciamo ad abbandonare le nostre resistenze e ad aprirci alla Verità.

E infatti, gli attuali veicoli non sono più circondati da quell’aura di mistero e di fascino che rendeva speciali i medium del passato. Sono persone comuni e ci tengono ad essere considerate tali, affermano di non riuscire a spiegarsi ciò che gli accade e di non tenerci neppure troppo a farlo.

Come il trentacinquenne Thom Elkjer, uno scrittore e pubblicitario di Oakland che da qualche anno canalizza Mithra, una misteriosa entità assai restia a parlare di sé, se non per dire di essere coinvolta nella dimensione fisica pur non facendone parte. Da quando pratica il channeling, Elkjer non si sottopone più a sedute di psicoterapia e la maggiore conoscenza di sé che ha acquisito grazie ai consigli personali di Mithra gli ha permesso di sentirsi più forte.

Contatta la sua entità non più di due o tre volte la settimana e, quando lo fa, va in uno stato di leggera trance ma rimane perfettamente cosciente. “Quando comunico in una seduta cui assistono altre persone”, racconta, “lui parla attraverso di me ad alta voce, il che non avviene mai quando lo contatto privatamente. E’ come ascoltare qualcuno che stia parlando, anche se non ci sono le onde sonore”.

Il celebre veicolo Jack Pursel, che da più di vent’anni canalizza l'”essere di luce” Lazarìs, cade invece in uno stato di trance così profonda che poi, quando ne esce, non ricorda nulla di quanto è accaduto né di cosa ha detto l’entità. “Per me è come essere profondamente addormentato”, confessa Pursel. “Può trascorrere un’ora o due, ma io al risveglio ho l’impressione di aver chiuso gli occhi e di averli subito riaperti”. “Intervistata” da Maria Rosaria Omaggio nella sua trasmissione Incredibile, andata in onda nel 1988, l’entità Lazarìs spiegò così lo stato del canale durante la trance: “Mentre noi siamo qui ad occupare il suo corpo, Jack Pursel si trova in uno stato di riposo sul piano causale, quello che viene dopo il piano fisico e il piano astrale, dove tutte le cause e gli effetti si collegano”.

In uno stadio intermedio tra questi due estremi si colloca Darryl Anka, un illustratore americano che da quasi vent’anni canalizza Bashar, un’entità che dice di provenire dal pianeta Essassani, a circa 500 anni luce di distanza dalla Terra in direzione della costellazione di Orione. “Resto cosciente”, afferma Anka, “ma non come lo sono di solito. E’ un po’ come sognare. Quello che ricevo quando mi trovo in uno stato di trance è così travolgente in termini di immagini, di emozioni e di energia da non potersi immaginare. E’ come se fossi ad un concerto, mi sentissi trasportato dalla melodia ed immaginassi una storia mentre questo avviene”.

Per la quarantenne californiana Sanaya Roman, che è in contatto da quasi quindici anni con la sua guida Orin, canalizzare è “come ritornare a casa, è l’esperienza più rasserenante, amorevole e compassionevole che ci possa essere. Mi sento come adombrata da una presenza più grande, un po’ come alcune persone dicono di sentirsi quando pregano”.

tratto da Stazione Celeste , autore Giampiero Cara

http://www.stazioneceleste.it/articoli/fenomeno_del_channeling.htm

Riconoscere la Discendenza

Fai un respiro profondo, per ancorarti a questo momento.
E sempre si compie il miracolo di stare assieme,
sempre si compie il miracolo della chiamata del Cuore,
perchè ciò che anima il nostro desiderio è la chiamata del nostro Cuore.
Ogni nostro sogno, ogni nostro desiderio, ogni nostro intento, anche quando rinunciamo,
così come quando scegliamo, anche quando rifiutiamo, così come quando accettiamo,
anche quando neghiamo,così come quando affermiamo, quando spergiuriamo,
così come quando siamo nella verità, quando ascoltiamo, così come quando cediamo.
Ogni cosa risponde alla chiamata del Cuore.Nel cuore risiede il nostro più alto Sè.
Il Cuore è il grande chakra che si va espandendo sempre di più,
per divenire l’unico grande chakra che assorbirà il primo, il secondo e il terzo,
e sarà quello che ci porta in una nuova struttura, sensoriale, fisica, relazionale, sovramentale.
E allora questo grande chakra che va espandendosi,
e che giunge pienamente alla sua realizzazione in questo tempo,
è colui che ci chiama.
Non sono i Maestri, non sono le filosofie, non sono le religioni, non sono le spiritualità
così come vengono definite.
E’ semplicemente il colui che è, che parla attraverso il canale del cuore.
Nelle notti di plenilunio, quando il Dio Padre si compiace e onora il Dio Madre,
esso è molto più vicino, e il tramite è quel globo.
Queste due qualità, molto presenti in ciascuno di noi,
che regolano i nostri cicli, i nostri bioritmi,
che regolano il ciclo delle maree così come il ciclo delle nascite,
questa magnifica entità regala all’umanità il suo potere splendente, nelle notti di plenilunio.
E pare che la vibrazione sia così potente e sa così perfettamente dialogare con il fuori.
Ecco, forse è per questo che alla chiamata si risponde.
Divideremo la serata in tre parti, per chi ha pazienza e tempo.
Questa prima parte, che è il messaggio, la seconda parte ci dirigeremo a piedi
in una piccola carovana sacra verso i bastioni,
per assistere se Dio vuole all’Eclissi di Luna, intorno alle nove e trenta
nove e quaranta, e sarà visibile per un pò nell’asse sud-sudest,
poi ritorneremo qui per ricevere il Diksha.
Il Diksha in questo momento, viene ulteriormente aperto a tutti,
attraverso la possibilità di collegarsi al sito ed assistere agli OM per i Diksha Giver,
alle webcast cioè agli insegnamenti di Bhagavan,
in questa presenza di Unità forte che è la chiamata del Cuore.
A cosa servono i Maestri? Quasi più a niente.
Siamo come figli cresciuti, che vanno ognuno per la propria strada, ormai.
Ma, guardandoli, possiamo riconoscere chi siamo, come quando guardiamo nostro padre e nostra madre,
come quando guardiamo i nostri avi, possiamo dire, quello è una parte di me, quello risiede in me.
La presenza dei Maestri e la presenza di chi porta il loro nome serve a questo,
a dire “quello risiede in me”, “quello” sta per Colui che E’,
e lì potete poi notare, alla sinistra, guardando, la discendenza,
la Shrimurti, che sono il principio maschile e femminile con il loro albero genealogico.
Che cos’è la discendenza?Abbiamo due possibilità di tipo energetico,
non parliamo in termini scientifici.
Una possibilità è che siamo una struttura creata ad hoc,
quindi in noi sono fortemente conservati i tratti della discendenza degli Elohim,
che sono aspetti del Colui che E’.
L’altra possibilità è riconoscere la discendenza del Tutto Ciò che E’ attraverso la sua evoluzione,
attraverso quel primo atman che già ci conteneva.
Siamo un pò quello, e un pò quello.
Allora, riconoscere la discendenza è riconoscere la Fiamma,
che ci contiene e che noi conteniamo, contenuto e contenitore.
Se riconosco la Fiamma riconosco la mia discendenza, posso riconoscere il Padre e la Madre,
posso riconoscere Dio Padre in Tutto Ciò che E’, posso riconoscere Dio Madre in Tutto Ciò che E’.
Posso specchiarmi nella loro solida unione.
Possiamo far si che in noi, il Dio Padre e il Dio Madre si congiungano,
non è un’esperienza esterna, è interiore, se mi permetto di riconoscere la Fiamma,
cioè di riconoscere la discendenza.
Come posso riconoscere la discendenza divina se non onoro la discendenza terrena?
Una piccolissima parte di questo grande tutto, un piccolo pianeta in un immenso cosmo dei cosmi,
una piccolo terra, un piccolo granello. Siamo così piccoli, da sentirci così grandi.
Così superbi da non riconoscere nessuna discendenza, da non riconoscere la foglia nostra Madre,
la formica nostro Padre, il fratello Sole e la sorella Luna, la sorella Acqua e il fratello Pane.
Mia madre, mio padre, mio fratello,il mio vicino,il mio nemico, anch’esso parte della discendenza.
Non riconosco gli aspetti che di me hanno creato la discendenza, ogni budello, ogni viscera, ogni cellula,
ogni rivolo di sangue, ogni vena, ogni vestito, ogni particella,
la più eccelsa e la più infame, fanno parte di quella discendenza.
E l’insegnamento è riconoscere la discendenza. Qual’è quella parte di noi che risuona alla discendenza.
Qual’è quella parte di noi che dobbiamo guarire alla discendenza.
Qual’è quella parte di noi che dobbiamo onorare,che vogliamo evolvere alla discendenza.
O PadreMadre Dio Creatore di Tutto Ciò che E’, ti offro la mia discendenza in tuo nome,
in nome mio, in nome di Tutto Ciò che E’. Questo è il patto di coscienza.
l Risvegliato vede Tutto Ciò che E’ come Uno, il non risvegliato vede uno come tutto ciò che è.
Niente è disgiunto dal niente. Ciò che faccio per me, lo faccio per l’altro.
Ciò che faccio per l’altro, lo stò facendo per me stesso.
Se innaffio una piantina, sto dando da bere alla mia discendenza,
se colgo un frutto , sto dando da mangiare alla mia discendenza.
Ecco perchè è così importante vivere nella centratura del Cuore,
perchè se odio, odio la mia discendenza.
Se tradisco, tradisco la mia discendenza, e così di seguito.
E allora, se amo, amo la mia discendenza, se mi prendo cura,
mi sto prendendo cura della mia discendenza.
Ricorda, quando dirai “abbi cura di te”, sappi che stai dicendo
“una parte di Me, che sei Tu, si prenderà cura di Sè”
Quando dite al vostro uomo, alla vostra donna, “ti amo”,
state dicendo “una parte di Me, che sei Tu, si sta amando”.
Ecco perchè quella parola deve venire dal profondodel cuore, e non può essere merce.

Un altro aspetto del principio femminile è rappresentato da quell’immagine di donna
con le braccia piegate sul petto nel saluto degli Esseni e rappresenta la Maddalena,
colei che conserva la memoria del Cristo uomo.
Il Christos è un principio che in noi è presente esattamente nel nostro cuore,
poichè esso esprime l’amore incondizionato. Il Christos è il nostro cuore.
Quando vuoi ricevere la benedizione del Christos,
puoi porre le mani così come questa figura di donna.
Prova a farlo, e senti l’energia.
Sono come due sponde di un fiume, come due amanti, uno su una sponda e uno sull’altra,
e quando giunge la chiamata del cuore si congiungono nel grande flusso dell’Amore.
Il Christos ha bisogno del nostro Amore, senza l’apertura del nostro cuore, non può essere il fiume
che scorre verso il mare, i due amanti rimangono separati, uno sulla sponda e l’altro sull’altra.
Ma, anche, questo gesto indica l’Unione interiore.
Noi cerchiamo ardentemente un compagno, una compagna, per fonderci, per unirci, per Amare, …….
il Christos nel cuore significa fondersi in Sè, nella pienezza della carne, fondersi in Sè.
Solo quest’atto salvifico, che appartiene alla specie umana, può portare il nuovo Cristo in terra.
Voglio perdermi in te, dite al vostro amante….
in chi ti vuoi perdere, in cosa ti vuoi perdere, che cosa significa per te perdersi?
Voglio sciogliermi in te, liquefarmi in te,questa è transustansazione.
Prendete, questo è il mio Corpo, mangiatene tutti in memoria di Me.
Bevete, questo è il mio sangue, bevetene tutti, in memoria di Me.
Non divoriamo forse il nostro amante, non ci perdiamo in quella carne?
Qual’è questa perdita?
E’ il fondersi in Sè, poichè quando dite al vostro amante “voglio perdermi in te”,
in realtà state dicendo “una parte di Me che sei Tu, vuole perdersi in Sè”
Unisciti a lui. unisciti a lei, ama quella parte, lì arrenditi, lì perditi.
Ma fallo come se fosse un gioco, fallo come se fosse un gioco, p
oichè un’altra Maddalena porta l’immagine di una donna che suona, un violino, un mandolino.
Fallo come se tu giocassi con PadreMadre Dio,
suona lo strumento della sua anima, digli la sacralità della tua vita, giocando.
Quando mangi una mela immagina che stai mangiando il Corpo,
quando bevi del vino, immagina che stai bevendo il Sangue, e allora ogni cosa
sarà sacra, ogni cosa sarà quel calice, ogni cosa è il tuo Sacro Graal.
Per questo è richiesta la dedizione,
poichè il tuo corpo mentale, percepisce, conserva, memorizza,
incasella, scheda, archivia, rilegge, ma poi non si dedica.
La dedizione è l’atto sacro di ogni istante della tua vita.
Qui nella materia, tutti gli altri livelli non compiono un’azione, esistono.
In questo istante tu esisti contemporaneamente nel Multiverso, per infinite possibilità.
Tu esisti già lì, non stai compiendo l’azione, lì. Stai semplicemente assistendo all’Esistenza.
E’ qui, nella materia, nella densità di questo Sacro Graal che sei tu,
che puoi vivere pienamente l’esperienza della dedizione,
la sacralità della tua essenza,
attraverso ciò che fai, attraverso ciò che sei, attraverso ciò che dici,
attraverso quello che mangi,
attraverso quello che ami o non ami, attraverso il tuo sentire.
Quando pienamente sei dedito a te, potrai risorgere, là dove ti stai aspettando.
Tre quindi sono i passaggi richiesti in questa fase,
che va da questo plenilunio di Solstizio all’ 11- 11 2011:
riconoscere la discendenza in ogni cosa che tu sei
vivere il Sacro Graal della tua Essenza
chiamare il Christos che è in te, unendo gli amanti sulla sponda del fiume
Vivere l’esperienza della tua incarnazione totalmente e pienamente,
riconoscendo con gioia ciò che sei, dedicandoti a te.
La piena dedizione è il processo della tua ascensione,
non ci sono date, non ci sono numeri.

Noi ascendiamo in ogni istante, in ogni momento, ogniqualvolta ci dedichiamo.
Non aspettare nessuna data, poichè il tempo non esiste, non ci sono tempi, non ci sono numeri,
sono convenzioni, sono strutture. Dedicati a te, e sarai oltre, fallo ora.
Riuniamo di nuovo gli amanti sulla linea del fiore.
Sei consaapevole che leghiamo a te l’energia del Christos interiore,
o amata potente Presenza “Io Sono”, il cuore di Dio è in me, nel mio Essere Cristico.
Io sono il guaritore del Mondo, io sono la Luce nel Mondo,
io sono l’Amore del Mondo, poichè è in te che tutto ciò avviene.
Fai un respiro profondo, per ancorare l’insegnamento,
del Melchizedek sempre eveniente, degli Elohim stellari,
dei nostri più alti Sè, con gratitudine, con profondo amore,
con rispetto, onoro la gerarchia che voi rappresentate in questa grande sala universale.
Onoriamo i nostri divini Sè che permettono questa comunicazione, con rispetto.
Poi scendi verso la gola, con Amore,e poi sul cuore, con gratitudine.”

Darshana degli Elohim – Channeling di Meditazione

L’Arte della Vita e la Nuova Terra

“Cambia il modo di vedere le cose e le cose cambieranno”-

L’Arte della Vita -Il Patto di Alleanza Cosmica inizia nel cuore di ogni singolo essere umano. L’Umanità è ad un bivio. Il risveglio all’Unità d’intenti è la chiave per accedere ad una nuova consapevolezza.

Nuove trame e scenari vanno intessuti per i nuovi abiti dell’Uomo della Nuova Terra.

La concezione della trama, in cui tutte le cose sono interdipendenti, e dove all’origine di ogni rottura troviamo diverse cause ed effetti, o nel mondo materiale o in quello non materiale, rappresenta con maggiore precisione l’immagine ideale dell’alleanza cosmica.

Il progresso qui non è visto come una grande trasformazione che utilizza ciò che ci è stato dato, ma piuttosto come un cicatrizzare la trama lacerata, “riannodandola”. La grande restaurazione consiste nel ricostruire la trama di Gaia.

L’Antico Testamento contiene molti esempi di visioni distruttive, di quello che succede quando viene spezzata l’Alleanza che lega l’ordine creato. Alcune delle descrizioni profetiche dell’alleanza infranta parlano direttamente alla nostra epoca di crisi ecologica.

Isaia 24, 4-6 vede languire il cielo e la terra, come nel corrispondente brano tratto dalla preghiera del Signore: “Come in Cielo così in Terra”.

“È in lutto, languisce la terra;

è squallido, languisce il mondo,

il cielo con la terra perisce.

La terra è stata profanata dai suoi abitanti,

perché hanno trasgredito le leggi,

hanno disobbedito al decreto,

hanno infranto l’alleanza eterna.

Per questo la maledizione divora la terra,

i suoi abitanti ne scontano la pena;

per questo sono bruciati gli abitanti della terra

e sono rimasti solo pochi uomini”.

L’Antico Testamento descrive in numerosi brani (Ezechiele 34, 25) il collegamento tra “Fertilità” e “Pace”. Poiché la pace è garantita dall’alleanza, la sua rottura intaccherà la fertilità della terra.

Quando l’alleanza è infranta, vengono liberate potenti forze distruttive e la stessa Creazione è a rischio.

Nella sua visione, Enoch vide il Figlio dell’Uomo che restaurava il grande vincolo della creazione e ricomponeva l’incrinatura tra il Cielo e la Terra, restaurando così e co-creando il Patto di Alleanza Cosmica, l’Arte della Vita .”.

Darshana degli Elohim in compenetrazione con il Melkisedek

Ogni tuo passo è un passo avanti per tutte le specie

Meditazione canalizzata e da praticare-

 Non sei solo tu a progredire    nell’evoluzione ma attraverso di te  ogni altra specie poiché il posto che  tu lascerai vuoto sarà colmato da chi è dietro di te, poiché tu sei ogni sua parte e tutte le parti sono in te

Lascia che la fiamma risplenda qui e porti luce nel tempo in cui l’uomo ha dimenticato l’uomo

Porta luce nel tempo in cui la parola è stata una babele di incomprensioni

 

 

Semplicemente essere testimoni di suoni –  rumori  –  ogni cosa

Fai un respiro profondo-  ruota gli occhi verso l’alto , chiudendoli

porta l’attenzione nel terzo occhio,  stai semplicemente nel respiro

contatta il tuo essere qui.

In questo spazio di silenzio porta la tua attenzione ai piedi

percepisci i tuoi piedi

Percepiscili come radici profonde ancorate alla terra. Immagina i tuoi piedi come radici di un grande albero  che si intrufola profondamente sotto il manto della terra

Giù  giù    giù   oltre i vari universi, mentale  cristallino  acqueo …fino a raggiungere il nucleo della terra.

I tuoi piedi sono grandi radici .Immagina una grande luce, un grande sole sopra il tuo capo, una grande sfera luminosa che irradia la sua luce potente e attraverso la fontanella del tuo 7° chakra entra dentro di te come una doccia di luce  bianca  solare  che giù   giù   giù attraverso tutto il tuo essere scende fino ai piedi e oltre…giù   giù    giù     attraversa le radici e i tuoi piedi fino nel nucleo della terra.

La doccia di luce continua, sei sempre irrorato da questo splendore che scende fino nella profondità della terra. Sei perfettamente cosciente di essere ancorato a quest’immagine,     alla stabilità di quest’immagine-  la doccia di luce ti irrora fino nelle profondità delle tue radici.

Sospeso tra cielo e terra la tua essenza albero è perfettamente ancorata. Tutto ciò che è intorno all’albero  cade  fa sì che egli sia sempre più saldo … qualsiasi vento,   qualsiasi tempesta … qualsiasi uragano … fa sì che l’albero sia sempre perfettamente ancorato attraverso le sue radici salde  e attraverso il sole che lo nutre,  lo rigenera.

Il sole che vedi sul tuo capo continua a lanciare raggi dorati  che attraverso la fontanella scendono giù    giù   giù   in tutto il tuo essere.

Visualizza questa luce dorata lungo le tue gambe fino ai piedi e oltre. Visualizza le tue gambe luminose   come se questa luce portasse via ogni densità.

Le gambe sono un involucro vuoto …  pura luce bianco oro.

Le gambe e i piedi giù giù fino al centro della terra sono pura luce bianco oro, ogni cosa  ogni sedimentazione dei chakra inferiori  è stata rilasciatia nel centro della terra …   attraverso le tue radici tutto è stato rilasciato.

La tua essenza albero è perfettamente ancorata tra cielo e terra. I raggi oro scendono attraverso la fontanella giù giù lungo tutto il tuo essere   dal plesso solare fino alle gambe irrorandolo …è  splendente luminoso,  portando via ogni malessere ogni immagine negativa,ogni aspetto che in questo momento sta contrastando la tua essenza, ogni preoccupazione giù   giù    pulisce,  porta via lungo le gambe, le radici, fino al centro della terra.

Percepisci la doccia di sole che purifica ogni cosa. Percepisci la doccia di sole che attraverso la fontanella scende giù giù dalla gola fino al plesso solare,  inonda  il petto, lo stomaco, la gola, di luce bianco oro rendendoti forte luminoso – il vaso di luce che tu sei,  portandoti via ogni tristezza, ogni rabbia, ogni paura.

Giù  giù   oltre le gambe. le radici fino al nucleo della terra. Lascia che la terra assorba e trasformi la tua essenza albero sempre perfettamente ancorata fra cielo e terra.

Il grande sole che vedi sopra sul tuo capo è calmo  luminoso e ti irradia completamente dalla fontanella al terzo occhio,  la gola,  il cuore,  tutto il busto, il  plesso solare, il ventre  le gambe,  le ginocchia,  i polpacci, le caviglie , tutto … le tue radici perfettamente ancorate  fino al centro della terra, fino al magma luminoso della terra.

E dal centro della terra vedi questa luce incandescente   che è il nucleo,  che è il magma bianco brillante argenteo brillante che  su  su  su   attraverso le radici sale su su   i piedi    le gambe il busto  primo secondo terzo chakra   il cuore   la gola   su su  le braccia  collo  testa   sesto chakra     settimo chackra e oltre   su   su   su …

Vedi la tua corona espandersi come un grande fiore luminoso  – si espande  apre i suoi petali e questa energia bianco argenteo brillante si espande e si mescola a quella bianco oro per assumere i toni iridescenti del bianco rosa perlaceo – azzurro perlaceo…

Lascia che la corona si espanda   su    su    su    fino a percepire e comprendere il tuo ottavo nono  decimo  undicesimo  dodicesimo  tredicesimo chakra    oltre il capo…

Percepisci la tua corona espandersi fino al tuo tredicesimo chakra come una colonna di luce perfettamente ancorata al grande sole centrale.

Visualizza il tuo ottavo nono  decimo  undicesimo  dodicesimo  tredicesimo chakra  come una grande scala luminosa che tutto il tuo essere la tua essenza risale,  arrampicati!!   Ottavo nono decimo undicesimo dodicesimo tredicesimo chakra di luce iridescente  bianco  oro rosa perlaceo azzurro perlaceo …

Percepisciti come il grande albero essenza ancorato alla terra ma espanso attraverso la tua corona ramificata fin oltre il tuo tredicesimo chakra superiore …

Oltre il sole oltre la mente  oltre  l’assurda mente oltre ogni conoscenza …

Rimani  ancorato all’immagine della corona che si espande oltre i tuoi chakra superiori …

Ramificandosi …

Visualizza un grande sole centrale che irrora questo canale ma visualizza anche un sole alla tua destra e un sole alla tua sinistra   – il sole padre e il sole madre che irradiano coniugandosi in un grande sole centrale …

Sei totalmente avvolto -totalmente compensato nel triplice raggio bianco oro  rosa perlaceo  azzurro perlaceo …

Vedi solo tre linee di luce  di fuoco luminescente con questi colori  che ti lambiscono completamente fino ad essere completamente te!

La base di questa fiamma è il centro della terra ed essa si espande   si estende   attraverso le tue radici … tutto il tuo essere fin oltre il tredicesimo chakra superiore …

Percepisci e lasciati avvolgere dall’essenza della sacra fiamma irrorata dall’energia del sole madre  dall’energia del sole padre congiunti al grande sole centrale

Oltre la mente    Oltre l’assurda mente       Oltre il sole

Sappi che tu sei ogni sua parte …  Sappi che in te coesistono tutte le parti…

Ancorati alla Fiamma      Alla sua Luce        Ancorati ai due Soli

Dimenticati chi sei     Sii la Fiamma    Sii la Luce      Sii il Raggio

Venga l’unione interiore accogliendo il padre e la madre

venga la fratellanza interiore    coniugando in te quest’unione…

Celebra la Pace interiore nutrendo in te questa unione

Poni le tre linee di fuoco solare bianco oro   rosa perlaceo      azzurro violetto perlaceo

come una fiamma nel tuo chakra transpersonale dei piedi

nel tuo chakra trans personale delle caviglie

nel tuo chakra trans personale delle ginocchia

porta luce nei mondi inferiori                                      

porta luce nel tuo passato di anni fa

ogni tuo passo è un passo avanti per tutte le specie

non sei solo tu a progredire nell’evoluzione ma attraverso di te ogni altra specie

poiché il posto che tu lascerai vuoto sarà colmato  da chi è dietro di te

poiché tu sei ogni sua parte e tutte le parti sono in te…

Poni la triplice fiamma nelle tue cosce   nei punti di sopravvivenza dietro le ginocchia   negli  spazi dei piani inferiori  poni la triplice fiamma nel tuo primo chakra

nel tuo sesso     luogo sacro ai deva dell’ansia carnivora del nulla

fai un respiro profondo per ancorare lì la fiamma …

Poni la triplice fiamma di luce nel tuo secondo chakra      porta luce alla via di mezzo

al tempo delle specie doppie    agli ibridi   a tutti gli aspetti contraddittori che ancora albergano in te     al piano del duale     percepisci che questo mondo è pienamente in luce …

Poni la triplice fiamma nel tuo plesso solare   osservando come tutto è in luce da lì in giù

i mondi inferiori sono ora come pilastri di puro cristallo, fondamenta irradiate di luce,  colonne sulle quali vai a edificare la nuova specie

irrora di luce  cristallina rosa perlacea azzurro violetto perlacea

il mondo nel tuo spazio solare    il tuo sole interiore      il tempo in cui le specie hanno cominciato a collaborare     il tempo dell’animale che si fa amico dell’uomo e l’uomo che onora l’animale   il tempo dell’uomo e del suo cavallo

Il tempo in cui la relazione non è ancora reciproca   equa     porta luce a tutti gli aspetti non equilibrio nella tua vita   senza nessun giudizio

senza visualizzare nulla ma al solo figlio al solo padre e alla sola madre

Porta la fiamma nel tuo cuore    riposati                                                                                              sai che tutto è pienamente in luce   sai che hai fatto tanta strada    sai che sei qui perché ti riconosci per quello che sei  abbandonandoti nel tuo falso sé

ogni fiamma in questo luogo è una caverna incantata  una grande caverna di ametista di lapislazzuli di topazi di rubini e tutte le pietre più preziose

Lascia che la fiamma risplenda qui e porti luce nel tempo in cui l’uomo ha dimenticato l’uomo

in nome della brama   della cupidigia  della volgarità    al tempo in cui viveva  senza occhi   scendi nell’amore compassionevole in questo tempo di ciechi

padre perdona loro   madre perdonali     padre madre perdona me

Ecco che tutto è perfetto.

Porta la fiamma nel tuo quinto chakra   nella gola    il fulcro  il punto di forza fra l’alto e il basso, il punto di congiunzione tra i tuoi sé più alti , il tuo qui e ora-

Porta luce nel tempo in cui la parola è stata una babele di incomprensioni

porta luce al tempo in cui la parola è stata inquisizione  prevaricazione   abominio

Porta luce a tutti gli aspetti dell’ombra    della parola che non dici      delle parole che hai detto   delle parole che vorresti dire … lascia che il silenzio del canto della notte  sia il tuo cuore

Lascia qui spazio a tutti i mondi che comunicano senza parola

lascia qui spazio di luce e forza e amore e compassione   

 a tutti i mondi che usano suoni per comunicare   

il canto degli uccelli

il sibilo dei serpenti

lo squittio dei topi

il ronzare della zanzare

il fruscio del vento

lo scroscio di una pioggia

il canto degli oceani

il lamento delle balene        dei delfini

il suono dei pianeti e degli astri

il canto luminoso di una stella che cade

Il quinto chakra è il ponte tra cielo e terra          tra lo spazio e il tempo

padre madre sole congiunti nel grande sole centrale sono con noi per aiutarci    

per sostenerci, per fugare ogni paura , che ci fa ritornare a sentire una la terra   l’unica che conosciamo

e il nostro cuore sa che esiste molto altro …

Porta la fiamma per salire al trono    per salire nella tua corona   per salire oltre ancora più su

Porta la fiamma nel tuo sesto chakra tra le sopracciglia

Cos’è all’altezza delle sopracciglia questa luce questo chiarore questo fulgore?   

Si è fatto forse finalmente giorno nella mente degli uomini?  

 Porta luce al tempo in cui la mente divenne congettura    dilazione    abominio

 corruzione guerra   offesa   inganno   tirannia     

porta luce a tutti gli aspetti che nella tua vita sono un premio dei deva senza cuore  egregore   che si nutrono di emozioni

Porta luce e compassione a tutto ciò che vive di possibilità di non essere altro  a tutto ciò che non può vivere l’opportunità del Buddha

Porta luce nella struttura complessa di tutta la massa cerebrale,  l’opera orgogliosa di un semidio che ha voluto copiare l’universo

Riconosci in questa ampiezza che hai la possibilità di essere oltre ogni cosa

Porta luce all’intelligenza umana  che non è superiore a ogni altra specie poiché il sistema armonico di un formicaio non è stato ancora  riprodotto dall’umanità  o anche   il sistema armonico ed equo di un alveare che genera miele prezioso per tutti …

E tu sei al tredicesimo passo   dal centro della terra fino al tuo sesto chackra,

tredici passi che  l’umanità ha compiuto dal giorno del concepimento della sua essenza fino ad oggi

tu uomo sei al tredicesimo passo  l’ultimo di questa terra

Porta la fiamma nel tuo settimo chakra sulla corona,  lasciala risplendere come il nucleo di quel fiore meraviglioso che si è aperto, che si è proteso e si espanso oltre l’ottavo     il nono     il decimo     l’undicesimo     il dodicesimo    il tredicesimo chakra

la fiamma lambisce parte per parte l’espansione del tuo fiore, si unisce alla fiamma nel grande sole centrale …

la lingua rosea argentea iridescente perlacea   si unisce alla madre

la lingua azzurro violetta perlacea iridescente si unisce al padre

la lingua bianco oro si unisce al grande sole centrale

congiuntamente splendono nella fiamma perenne del fuoco cosmico    

i doni che ti giungono anche quando non te l’aspetti

sono il frutto dell’opera di luce di questa fiamma

oltre la mente    oltre l’assurda mente     oltre il sole …

prova a recitare con me

OM

Bhur Bhuva Svaha

Tat Savitur Varenyam

Bhargo Devasya Dheemahi

Dhiyo yonah Prachodayat

 

Riprendi lentamente consapevolezza del corpo    fai un respiro profondo per ancorare  questa meditazione.

Quando ti senti pronto puoi aprire gli occhi  massaggiando le tempie

Darshana degli Elhoim in compenetrazione con gli Elohim Stellari

Tratto dal corso di meditazione 2011

 

CONVERSAZIONE COLLETTIVA  DOPO  LA  MEDITAZIONE

“… Lo sapete chi ci sta spingendo al cambiamento? Sono i mondi inferiori che si vogliono evolvere …”

Stefania : “Quando parlavi del sole madre e del sole padre io percepivo essere come in una bolla buia e la luce filtrava dall’alto come inondandomi tutta”

Darshana :” Bene anche queste sono percezioni che possono indicare magari un tempo dell’esistenza al buio … c’è sempre la conoscenza, c’è sempre la consapevolezza … ogni percezione che abbiamo è legata a noi, al nostro vissuto , quindi alla mente conscia, alla mente subconscia e alla mente inconscia … La percezione che hai tu è diversa dalla percezione che può avere magari Sandro, perché sono percezioni nostre …

Altre volte invece ci sono pratiche che danno risultati “scientifici”, il Kriya yoga di Mahavatar Babaj ad esempio viene definita la scienza dell’Illuminazione , perché questa disciplina praticata quotidianamente a un certo punto dà lo stesso risultato per tutti quelli che la praticano quindi è scientificamente provato, perché il risultato è identico mentre invece altri tipi di esperienze sono totalmente empiriche cioè appartengono all’esperienza personale, quindi sono diverse da persona a persona e sono legate a tutta la mente inconscia alla mente subconscia a quanto per esempio abbiamo fatto nelle vite precedenti, a quanto abbiamo fatto in questa vita e anche un poco a quanto hanno fatto i nostri avi”

Laura: ” Ho avuto dolore fisico in alcune parti del corpo … le gambe..”

Darshana: “Chi altri ha avuto dolore fisico durante la meditazione? E’ importante trovare una posizione comoda, che possiamo sostenere altrimenti l’ego che ha paura, che scappa, ci riporta alla realtà attraverso il dolore fisico, cioè le parti che non vogliono andare ci tirano indietro tramite il dolore fisico allora sentiamo di tutto, comincia a far male quella parte della schiena quel punto delle mani … tutto quello che accade involontariamente fa parte della meditazione… tutto ciò che invece percepiamo come reale è ciò che ci stacca dalla meditazione i rumori , tutte le cose intorno ecc.. ci rubano attenzione ma dovremmo percepirle come se appartenessero a un fuori, come se noi le osservassimo distanti , lontano … se invece bussano alla nostra porta in maniera che ci distraiamo allora sappiate che sono materializzazioni delle nostre parti che non vogliamo lasciare andare … Quindi troviamo posizioni comode così non abbiamo scuse così non hanno scuse le nostre ginocchia …

Sandro: ” E’ stato interessante andare oltre i sette chakra …”

Darshana:” Parliamo dei sette chakra principali ma ne abbiamo altrettanti 500 secondari e altrettanti svariati punti o nodi …mille e più punti di energia, mille vortici di energia … ogni vortice è un mondo … un sub mondo e un sovramondo , ogni punto di energia contiene tutti gli aspetti, lo abbiamo ascoltato anche nella meditazione stasera :Tu sei ogni sua parte e in te ci sono tutte le parti , sulle gambe abbiamo i mondi inferiori cioè i chakra di quando eravamo ameba, perché anche l’ameba aveva i chakra che ancora sono in noi … così come in noi già abbiamo i chakra trans personali dei mondi superiori …

La conoscenza ora viene resa accessibile all’umanità,non è più patrimonio delle scuole esoteriche come nel tempo era stato, con un discepolato molto stretto e molto chiuso : Ora il discepolato non esiste più, è una affermazione provocatoria per dire che adesso è il tempo della Maestria! Oggi il discepolato è soltanto un apprendimento di alcuni strumenti per diventare maestro della propria vita: L’insegnamento nella Maestria oggi non è creare allievi a vita ma dare gli strumenti affinché il discepolo riconosca il Maestro in sé . Prima c’era la tendenza a decretare questo passaggio solo dopo un lungo periodo di apprendistato perché c’era una gerarchia, oggi la gerarchia spirituale è qua adesso , con noi.

Nella meditazione appena svolta , la fiamma a un certo punto ci avvolgeva completamente perché noi e la fiamma siamo la stessa cosa . Quando c’è la percezione separata tra noi e la fiamma vuol dire che sentiamo il Maestro fuori di noi, che non ci riconosciamo come tali. Ecco perché questa è l’era della condivisione, perché un maestro non insegna a un altro maestro , é solo uno scambio .

Come anche questo è il tempo del sangha , la comunità, dove ciascuno porta dentro la propria essenza , il proprio sapere . Per questo nel tempo del sangha l’energia non può più essere quella del denaro ma quello dell’ajni, dello scambio condiviso, reciproco, consapevole , che guarda caso è quello del tempo arcaico delle comunità tribali sciamaniche… Io faccio una cosa per te tu fai una cosa per me … però comunque continuiamo a tenere lo scambio del denaro perché è una energia che appartiene a questa dimensione e finché saremo qua dovremo fare i conti con essa …

Niccolò:” Cosa ci spinge ora al cambiamento di questa era?

Darshana:” Lo sapete chi ci sta spingendo al cambiamento? Sono i mondi inferiori che si vogliono evolvere , riceviamo spinte continue così quando noi eravamo amebe era il brodo primordiale che spingeva man mano che ci siamo evoluti anche se a un certo punto siamo rimasti fermi perché c’è stato l’intervento di un semidio , come abbiamo canalizzato anche nella meditazione di stasera, che ha strutturato la complessità del sistema cerebrale … Quindi la spinta viene dai mondi inferiori, loro necessitano l’evoluzione per questo ci bussano frequentemente … per farci evolvere e ” sloggiare”, così lasciamo il posto vuoto per qualcun altro … Nel tempo evolutivo dell’uomo galattico noi avremmo solo un grande chakra che è quello del cuore, nel tempo della nuova dimensione non esisteranno i chakra così come li conosciamo … si evolveranno totalmente .. Molti insegnamenti giungeranno al termine avendo esaurito la loro funzione.

L’albero della Vita, gli insegnamenti della Kabbalah saranno esauriti in questo tempo per evolversi … sono stati resi noti dagli anni quaranta , fino a quel tempo le scuole della cabala erano chiuse, poi gli insegnamenti sono stati resi accessibili ai cuori ricettivi, ma nella quinta dimensione l’albero cosmico della vita ci dirà altro ancora …

Anche un acaro, che non vediamo ma esiste ha il diritto di evolversi così come dietro all’acaro ci sono altri mondi ,altri organismi a cui lui è superiore ma che spingono per evolversi … Questa è stata la spinta di tutto l’universo al cambiamento.

 

Darshana degli Elhoim – Tratto dal corso di meditazione 2011