Seguici su Facebook

EOS Galaxy Radio

Ultime novità

Blog

Risveglio e Nuova Specie Umana-Divina

 

L’umanità del Terzo Millennio, il Tempo del Risveglio e del Cambiamento,  è un’umanità in cammino verso la nuova consapevolezza. Si parla infatti di Nuova Umanità, Nuova Era, Nuovo Mondo.

Risveglio e Nuova Specie Umana-Divina

Ma perché dobbiamo risvegliarci? E, soprattutto, cos’è il Risveglio? Dalla notte dei tempi, le Grandi Maestrie, i Maestri di tutti i tempi hanno lavorato affinché la consapevolezza dell’essere umano si evolvesse, che insieme alla crescita spirituale, intellettuale, filosofica, scientifica, l’uomo potesse accrescere il suo benessere spirituale, il suo stare bene con le cose, con la natura, con sé stesso. Dunque,

risveglio è armonia con il Sé, allineamento,

consapevolezza di ciò che la realtà è per così come essa è.

Questo era l’insegnamento del Buddha: la realtà è amore, poiché l’Universo è amore. L’energia elettro-debole, nella fisica quantistica, è l’energia che tiene insieme le cose, gli astri, il firmamento e i pianeti nell’Universo. Quella stessa energia è Amore: questo è l’insegnamento di Gesù, il Cristo. Dunque, dalla notte dei tempi ad oggi, dalla caverna di Platone ad oggi, un unico scopo è perseguito dall’umanità: evolvere.

Dove è diretta questa umanità? Verso nuove dimensioni del suo sapere, verso la quarta, la quinta, la sesta, la settima, l’ottava dimensione. Si dice che qui in questo piano dimensionale viviamo la terza dimensione, che poi è un tempo virtuale. Dunque, se ci risvegliamo e vediamo la realtà per come essa è, non solo entriamo nella consapevolezza dell’amore che genera ogni cosa, dall’abbondanza, alla manifestazione, alla realizzazione di sé, ma ci rendiamo anche conto, e consapevoli, che

 le dimensioni non sono nient’altro che un eterno presente. Qui e ora.

C’è una Legge che stabilisce il legame dell’uomo con il cosmo: è una Legge Universale che è il Tutto che contiene la Parte e allo stesso tempo è la Parte che contiene il Tutto. 

L’essere umano è una parte del Tutto. 

Una connessione molto stretta tra ciò che noi siamo e ciò da cui noi proveniamo. Ciò che noi siamo contiene la Legge di ciò da cui proveniamo: il principio di auto-guarigione, il principio della Luce Originaria, il principio dell’Essenza di tutte le cose.

La scienza ci dice che due eliche del nostro DNA sono attive e stabiliscono ogni cosa nel nostro sistema fisico ed emozionale, ma sappiamo anche che esistono dieci eliche del DNA “non attive” che vengono considerate spazzatura.  In un ordine così perfetto che è il Creato e in un ordine così perfetto che è il genere umano terrestre, dieci eliche del suo DNA sono spazzatura ? Solo perché non sappiamo a che cosa sono deputate? In ciascuna di quelle eliche vi è invece celata la saggezza degli antichi insegnamenti iniziatici, in esse sono contenute i geni e i poteri dell’umano-divino che si sta rivelando in quella che è la nuova umanità per la quale abbiamo coniato il termine Nuova Specie Umano-Divina.

In EOS e negli insegnamenti energetici che diffondo parliamo di una specie che contiene caratteristiche cristalline,  una specie “colorata” che noi chiamiamo Arcobaleno perché conterrà tutto il ventaglio delle strutture cromatiche che l’uomo può esprimere attraverso i mondi e le dimensioni dei suoi chakra , come un prisma che riflette la Fonte-Luce per innalzarli oltre il sesto chakra verso il chakra superiore, verso i chakra interdimensionali che ci collegheranno con ciò che noi chiamiamo la Mente Suvramentale, spazi coscienziali in cui il senso di unità, il dio-vivente nel cuore, il Christos Cosmico, Il Melkisedek manifesto,  la comunità che si fa substantia, la comunità che diventa uno, saprà condividere, compartire in equanimità,   consapevole e partecipe, umanità dunque che guarisce, che esce dal conflitto che la dualità  Karma –Sofferenza genera come automatismo. Il Tempo è Ora!

©Articolo di Darshana P. Tedesco pubblicato sul portale Anima Eventi  il 12 ottobre 2016

Le tesi contenute in questo articolo fanno parte di un più ampio lavoro di ideazione, ricerca, diffusione e pratica che Darshana svolge da svariati anni in Italia e all’estero, i cui contenuti sono espressi in molti suoi articoli, pubblicazioni e video, alcuni dei quali messi in onda anche sui nostri canali TV. I suoi testi sono coperti da copyright.

 

L’Essere Vibrazionale

“…L’essere vibrazionale è Uno, non è separato. Quanto più è Uno, sincretico, tanto più alta è la sua vibrazione, tanto più manifesta.

Non vive il conflitto, lo può osservare, lo può sfiorare come quando piove e ti bagni ma tu non sei quella pioggia, ne hai deciso che piovesse, accetti quella cosa…”.

Esistenza Primigenia

La Fonte Primordiale, l’Esistenza Primigenia, l’Uno, il Tutto, sono rappresentabili come una grande Luce, un Sole irradiante la sua magnificenza.

In sè hanno gli aspetti di ciò che nei Veda viene indicato come Sat Chit Ananda= Esistenza Coscienza Beatitudine.

Nel nostro Sole, la stella che ci tiene in vita, le culture antiche hanno identificato la Luce come Coscienza, mediazione dello Spirito Esistenza Beatitudine.

Il sigillo di Luce, lo Spirito Santo-Manu

Lo Spirito Santo è Entità-Dio e coesiste fin dal Principio.

Lo spirito può essere definito come il primo stadio della materia. 

ll nostro Sole è un aspetto della Grande Luce ed è collegato a tutti i Soli dei Multiversi. come un mandala sacro, un frattale di eterna bellezza, il Cuore di ogni sistema cosciente, i cui codici di luce sono perfettamente percettibili dalle nostre Ghiandola Pineale e Pituitaria, le due centraline trasmutatrici che ci collegano ai sistemi delle Leggi Universali e al mistero delle Leggi Cosmiche.

©Darshana degli Elohim di Luce-Stella del Melkisedek

Approfondimenti:

Da Regolo s’irradia il Mistero della Legge

— Con quale intensità deve il discepolo realizzare il potere della percezione e capire che una sola è la legge che governa il Cosmo intero: la Volontà suprema; in tal senso evolve lo spirito. Questa legge unisce e correla tutte le grandezze manifeste. Lottare per dare esecuzione al Volere superiore migliora la sensibilità delle percezioni. Questa è l’unica via che consente una soluzione corrispondente alla comprensione e al compimento della Volontà superiore. Anche Noi Vi consacriamo le Nostre opere creative, e in tal modo gli archi di coscienza si congiungono in un solo Cuore fiammeggiante. Sì, sì, sì! Così si crea il grande ordine cosmico! (Da Gerarchia, § 88, Collana Agni Yoga).

— L’evoluzione deve essere guidata dalla nostra coscienza, e occorrono forze più intense, prontezza e attività ardente. (…) Tutta la Legge cosmica e l’Insegnamento del Benedetto e dei Grandi sono da intendersi come un appello imperioso all’Infinito. (Da Infinito I, § 59, Collana Agni Yoga).

— La legge del Cosmo non impone alcuna sommissione, ma la collaborazione cosciente e costruttiva ne afferma il potere creatore. Molte sono le proprietà del Fuoco spaziale. Tale attitudine di cooperazione è da adottarsi, e chiunque sappia contenere le verità opposte può accettarla. Quando il potere dello spirito cresce, chi conosce la legge cosmica si impegna seriamente a collaborare. Aspirate dunque a farlo senza limiti. Lo spirito che conosce le leggi può incrementare tutti i fuochi. Ripeto che bisogna tendere a realizzare l’Essere e collaborare con tutte le forze. (Da Infinito II, § 104, Collana Agni Yoga).

— In verità, lo spazio risuona di gioia quando si proclamano i fondamenti dell’Essere. Il Diritto cosmico si esplica nell’instaurare la legge, e la gioia dell’Essere inonda lo spazio. Così la legge dei Grandi Signori proietta la corrente di una nuova vita. Dirò dunque che il Diritto cosmico si ammanta della radianza dell’universo creato. (Ibidem, § 106).

— Gli aspetti del sacrificio di sé sono così variamente intesi dall’uomo che in ogni cosa si deve usare solo la massima misura. Chi, nel sacrificio di sé, si dedica al Servizio collabora con la Luce. Chi serve il Fuoco cosmico sacrifica se stesso. Chi serve l’evoluzione è un portatore della legge. Chi serve, chi è devoto al Bene generale si conferma quale coadiutore del Cosmo. (Ibidem, § 14).

(1) Nell’etimo del nome leone, dal latino leo, vi è espressa l’idea della volontà infuocata di esprimere suono e luce.

(2) “…Regolo, il Regolatore, il Legislatore, esprimendo con questo termine l’idea che l’uomo può essere ora legge a se stesso [nel Segno di Leo si acquisisce la coscienza di sé e, avanti nell’evoluzione, il dominio di sé da parte del Sè superiore], poiché entro di lui vi è il re, il governatore”. “Regolo, la legge dell’individuo…”. (Da: A. A. Bailey, Le Fatiche di Ercole, Collezione Lucis, pagg. 50 e 90).

(3) Regolo è la prima delle quattro Stelle Reali, i ‘Quattro sacri’, gli Arcangeli collegati con il Karma e l’Umanità, il Cosmo e l’Uomo, in tutti i loro aspetti. Essi sono: Regolo/Leone, il Sole o il suo sostituto, l’arcangelo Michele (‘Chi è come Dio’, il Sole), capo supremo delle armate celesti; Antares/Scorpione, la Luna o il sostituto, Gabriele; Fomalhaut/Acquario, Mercurio, Raffaele; e Aldebaran/Toro, Venere, Uriel; le quattro grandi divinità Karmiche dei Buddisti Settentrionali, collocate ai quattro punti cardinali per vigilare sull’umanità, gli Angeli Guardiani dei Quattro Angoli della Terra.

(4) La segnatura di Regolo nel firmamento indica il sentiero della Vita: la linea retta che dalla Stella Polare (Stella direttiva e di ri-orientamento) passa attraverso le Puntatrici dell’Orsa Maggiore, Dubhe eMerak (Stella di direzione), giunge fino al Leone, identificabile per la famosa falce formata dalle stelle della criniera fino a Regolo, appunto, la sua stella più brillante.

(5) Da Mondo del Fuoco III, § 256, Collana Agni Yoga.

(6) Dall’Insegnamento si apprende che Regolo è quel punto focale trasmittente l’energia della volontà/potere di Entità superiori indicate quali Fiamme divine, Leoni ardenti, Leoni di Vita: il nucleo del Mondo divino superiore, i Padri costruttori dell’attuale manifestazione fisica del sistema solare.Tale Prima gerarchia di esseri o forze divine esprime ‘la vibrazione mentale del Logos solare’, e sono in essenzale Sue Leggi creatrici e unitarie.

(7) Regolo, è segnalato dall’Astrologia esoterica quale Centro primario del Segno di Leo, il quale è governato ‘in senso cosmico e a prescindere dal sistema solare’ da Sirio, il Magnete, il Fuoco distributore dell’Amore cosmico, il Cuore cosmico ed Ego primario del nostro Logos solare: “Le virtù di Sirio, che sono tre, si concentrano in Regolo, stella di prima grandezza sovente chiamata ‘il cuore del Leone’. I nomi dati alle stelle nel corso dei millenni contengono più verità esoterica di quanto finora si creda, e questo ne è un esempio.” (Da: A. A. Bailey, Astrologia esoterica, Collezione Lucis, pag. 300).

tratto da http://blog-it.theplanetarysystem.org

Sperimentare la libertà dalla sofferenza

Sperimentare la sofferenza che spesso si può verificare in un rapporto, in una relazione, appare difficile.

Si preferisce colpevolizzare, o scappare, o aggredire, rimpiangere, criticare, tradire…

Quella sofferenza è uno specchio di ciò che devi poter riconoscere in te. In quello che ti aspetti dagli altri, in quello che vuoi in un rapporto, dimenticando che il tuo volere è un aspetto di una personalità che chiede e non un atto d’amore privo di ego e di “bisogni” che tu scambi per desideri.

Il desiderio è un moto spontaneo dell’essere ma se non è evoluto diventa brama, compulsività a pretendere di essere visti, ascoltati, amati, curati..fino a somatizzare azioni, malattie, pensieri, modalità comportamentali che ti fanno tiranno verso la relazione e non un libero pensatore che esprime la sua libertà nel rispetto e nella verità reciproca.

Dunque la sofferenza..non è che una prova della maturità con cui affronti la vita e le relazioni, a cominciare dalla relazione con te stesso e le menzogne che ancora ti racconti…per non soffrire…

Sei diverso dall’altro ma in questo puoi trovare una ragione di unione che solo la libertà da te stesso può donarti.

La pace interiore allontana inutili problemi e permette la nascita di una nuova fiducia in se stessi, respingendo dubbi e ansietà.

La centralità dell’essere può essere rggiunta senza lotta,senza dimostrazione di forza, poichè nasce dalla fiducia nella tua propria forza.

Sarà un Risveglio verso un nuova consapevolezza.

Il Mistero dell’Uomo

“Avevo poco più di vent’anni e mi occupavo di giornalismo insieme all’organizzazione di eventi d’arte accanto alla ricerca personale sui territori dello Spirito.

In quell’estate organizzai delle mostre fotografiche in ambienti alternativi. Una in particolare la collocai in una chiesa sconsacrata dove le pareti scrostate e le volte medioevali ben si addicevano al tema delle foto.

Durante le prime fasi dell’allestimento avvertii da subito quella strana sensazione di ebbrezza che mi prendeva – fin da bambina- quando entravo nello stato espanso e ” sottile” della percezione delle cose.

(foto di Daria Paladino – La Trasmutazione dell’uomo in Cristo)

Fui attratta infatti da una strana luce giallo-oro che ad un tratto illuminò l’ambiente e fui ” chiamata” da una forza verso una saletta laterale che dava nella vecchia sacrestia.

Qui erano accatastati candelabri, cornici vuote, vecchie sedie e suppellettili. Ad un tratto una brezza leggera mi sfiorò e dall’alto di una catasta di stoffe cadde giù una specie di sasso- tale mi sembrò all’inizio- che rotolò fino ai miei piedi.

Ebbi un sussulto mentre il mio cuore batteva forte. Mi chinai e presi tra le mani il piccolo oggetto. Nel guardarlo un pianto sommesso mi prese in pieno petto, facendo esplodere il cuore in un calore che mi avvolse totalmente.

Era una miniatura magnifica di una testa di Cristo.

La testa era rotta alla base del collo, forse aveva fatto parte di una statuetta di terracotta racchiusa in qualche sacra rappresentazione. Il disegno del sangue che trasudava della corona di spine era perfetto e questa era fatta con uno spago sottile. La bocca e lo sguardo intensi, disegnati nel volto sofferente con dettagli finissimi, racchiusi in circa sei centimetri di altezza. Un piccolo capolavoro di arte povera.

La Forza che racchiudeva mi pervase per non so quanto tempo, uno stato espanso ed estatico in cui persi la cognizione del tempo. Sentivo in me Parole dolcissime che mi ” raccontavano” la storia del Mondo, intere Maestrie di Luce mi apparvero annunciandomi il Tempo dell’Unione di ogni Via… qualcosa di così Perfetto mi avvolse… tanto da farmi comprendere che il mio Destino da quel momento, come da sempre avevo desiderato e intravisto nei miei numerosi viaggi astrali, sarebbe stato al servizio di quella totalità d’Amore che mai più mi ha lasciato, per il Passaggio verso il Nuovo Tempo.

E così fu, nella totale dedizione, nella ricerca di un’Arte della Vita e della Guarigione che fosse nel Nome della Divina Bellezza di quella Luce.

…………………….

Da allora in questi anni ho conservato quella miniatura, il volto del Maestro che trasmuterà nel suo Corpo di Luce, in una teca di vetro posta sul mio altarino di meditazione per ricordare il fenomeno.

Qualche settimana fa , prima di Natale, dopo una giornata trascorsa a meditare, alla fine di un lungo processo di trasmutazione che il mio corpo fisico stava inglobando, per integrare i Nuovi Portali che gli Elohim di Luce ci facevano giungere al solstizio di dicembre, sono stata attratta da un bagliore che ha toccato la teca in cui custodisco la miniatura.

Ho sentito che dovevo riaverla tra le mani, cosa che non facevo da anni.

La prendo come se fosse un cristallo prezioso, avvolta da una luce propria. Tra le mie mani faccio ruotare la testolina per osservarne i dettagli e mi stupisco di come sia rimasta intatta dopo più di trent’anni!

Lo sguardo dell’occhio sinistro, velato dalla sofferenza mi guarda, vivo!

Le labbra e il volto a sinistra sembrano contrarsi in una smorfia di dolore…

non posso fare a meno di pensare alla sofferenza che il Pianeta sta vivendo in questo tempo…

Ma, incredibile, ruotando il volto, il lato destro sorride!

Mentre la pupilla dell’occhio sinistro si sposta per guardarmi, vivo!

L’onda d’Amore che mi avvolge è enorme e comprendo il messaggio di gioia che la sua immagine rimanda, pur nella sofferenza necessaria in ogni Passaggio.

In tutto ciò che viene intrapreso nel campo materiale o spirituale, contano solo i nostri sforzi, intesi come azioni consapevoli. Spesso però ci soffermiamo sul dolore e la sofferenza, o peggio cadiamo nella sfiducia e nel dubbio. Mentre la gioia e la passione, la dedizione e la fede sono alla base di ogni successo.

Quel volto che sorride mostra di Sé la forza dell’amore e del cambiamento. Quella forza che annulla ogni sofferenza e che può generare grandi risultati nei cuori e nelle anime. Quella forza che dobbiamo poter generare in noi in tempi così contraddittorifacendo appello alla Luce dell’Integrità e della Verità.

Quel volto e quello sguardo ci dicono che il Mistero dell’Uomo rimane ancora aperto e insondabile nella eterna ricerca della perfezione ma che l’Amore può svelare il Dono della Conoscenza.

 

Darshana degli Elohim di Luce- Stella del Melkisedek e del Sacro Cuore Unificato

6/1/2016

Lampo Creatore

SAVITRI – Libro II – Canto III

“…Tuono fiammeggiante,lampo creatore,

la sua Luce vittoriosa cavalcava la Sua Forza immortale;

un possente galoppo di centuro portava il dio.

La vita era in trono con la mente,doppia maestà.

C’erano mondi di una felicità grave ed austera,

d’una azione sfumata di sogno, d’un riso soffuso di pensiero,

e la passione lì poteva attendere per il proprio desìo

finchè udisse l’avvicinarsi di Dio…

da Sri Aurobindo Ed. Mediterranee

www.elohimstars.org

Affermare la Nuova Vita

“Tutti i vechi paradigmi che non sono utili al Bene Supremo collettivo, crolleranno. Tutto cò che è di Servizio al Bene di tutti, rimarrà.

Per affermare la Nuova Vita entra nella frequenza della compassione e della condivisione per generare armonia e risveglio.La vita secondo lo Spirito.

Siate il Christos che è in voi per essere plasmati dall’autenticità e dall’Amore.”

© Darshana degli Elohim di Luce- Sella del Melkisedek

Gruppo FB

” Darshana -La Voce del Risveglio” https://www.facebook.com/groups/733274816789426/

L’Amore come forma di guarigione

Non permettere alle tue ferite di trasformarti in qualcosa che non sei.

Chi ama riesce a vincere il mondo, non ha paura di perdere nulla.

Il vero amore è un atto di totale abbandono.” Paulo Coehlo

” Ama te stesso, profondamente, sempre e comunque ama la vita che ti rappresenta anche quando vorresti cambiarla per sempre…

L’Amore come forma di guarigione. L’energia dell’amore condiziona le tue scelte e le tue relazioni. Questo è il magnete con cui attrai abbondanza o sofferenza.

I grandi mistici lo sostengono da sempre . E oggi anche la fisica quantistica ce lo conferma.

Dovresti poter usare la creatività dell’amore per creare la vita che desideri.

Una sorta di legge dell’attrazione generata dal campo elettromagnetico del tuo cuore, che si connette all’energia elettrodebole del cosmo, l’energia radiante dell’aggregazione e del compimento delle forme.

Quando ti nutri dell’amore, quando entri in contatto con la profonda essenza dell’amore la tua energia si modifica, tutto il tuo Essere si espande, vibra ad un livello frequenziale più alto.

E’ così che attrai nella tua vita persone positive e simili a te, le relazioni si armonizzano, i pensieri si fanno più lucidi, sereni, luminosi, potrai vedere i tuoi desideri realizzarsi grazie alla profonda alchimia della grande Legge Universale Dell’Amore.

Dharma e Kharma

” La pratica è un dovere della mente, l’esperienza è una necessità dell’anima. Coniugare mente e anima significa incarnare il Dharma e abbracciare il Karma”

Darshana degli Elohim di Luce-Stella del Melkisedek

Risonanze

L’Arte di vivere in risonanza d’Amore

genera il ampo della gioia pura.

E’ la dimensione che ci allinea al Grande Disegno.

©Darshana degli Elohim di Luce- Stella del Melkisedek