Seguici su Facebook

EOS Galaxy Radio

Ultime novità

La Dissoluzione del Karma

La Dissoluzione del Karma

Il blog di Mahala sulla situazione di Parigi e in generale sul karma ha generato un’ampia discussione e pensieri profondi riguardo il karma nazionale e le modalità disturbanti con cui viene gestito a livello mondiale.
Nacqui a Johannesburg nel 1970 sotto l’Apartheid per cui la questione del karma nazionale mi è molto vicina. Come bambina bianca ho vissuto un’infanzia idilliaca, correndo scalza tutto il giorno nei campi selvaggi (il cosiddetto Veld), giocando vicino al fiume e vivendo una vita spensierata. Solo a poche miglia di distanza tuttavia, a mia insaputa, la situazione per la popolazione Africana era molto diversa: povertà assoluta, assenza di qualsiasi diritto tra cui quello di possedere della terra o libertà di istruzione o contatti nella propria lingua madre. Le famiglie venivano deliberatamente smembrate con l’aggravante che ai bambini africani non era permesso di apprendere nessun tipo di arte. La violenza che scaturì da una situazione di polarizzazione, di razzismo e povertà così estremi che non vedevo l’ora di andarmene e così terminate la scuola emigrai in UK. Ciononostante la mia dipartita non risolvette il problema ma mi lasciò una grossa ferita e anni di sensi di colpa nel ruolo di oppressore.
Nelson Mandela fu una persona incredibile in grado di portare unità e visione alla polarità. Fu solo molti anni dopo, durante la visione del film Invictus che realizzai l’importanza e la saggezza di alcune delle sue decisioni chiave come capo di stato. Per esempio, il servizio civile per esempio, molte persone di lingua Afrikaans si aspettavano di essere derubati, ma invece Mandela chiese che tutti rimanessero ai loro posti e facilitè la costruzione di un Sud Africa unito.. Mandela rimase solo all’interno dell’ANC quando non volle che la squadra di rugby Springbok, un bastione della cultura Afrikaaner, fosse sciolta. Anzi coinvolse gli africani nel raggiungimento della World Cup e quando il Sudafrica vines, ricordo che piansi per il sentimento di unità che si era creato. Il Sudafrica da quell momento rinacque dalle ceneri come una Fenice.
Recentemente il karma tra i Romani e i Celti è ritornato al centro dell’attenzione per me e sono molto felice che un gruppo di italiani visiterà i luoghi sacri di Anglesey, nel nord del Galles, durante il solstizio del 21 dicembre esattamente nell’ultimo avamposto in cui i Druidi furono sterminati. La Guerra tra romani e celti risale a migliaia di anni fa e recentmente ho scoperto che I celti erano riusciti a invadere e sacchegiare Roma prendendo quasi tutto il suo argento prima di tornare in patria. Non sorprende quindi che a causa di questa umiliazione, i romani fossero così crudeli durante la loro invasione della Bretagna. La domanda ora è: possiamo effettivamente guarire questo vecchio karma attraverso il ritual e il canto?
Il viaggio è condotto da Darshana P. Tedesco, una guaritrice di Luce Olografica e portatrice del Suono Sacro EOS® con la quale non mi sono ancora incontrata personalmente ma il cui lavoro mi affascina moltissimo. Tra i suoi scritti in modo particolare cito la frase “la Memoria Olografica e la sua funzione nella dissoluzione del karma”.
Tutto ciò solleva la questione di come possiamo attuare la pace nel mondo e come in qualità di operatori di luce possiamo lavorare su altri piani/dimensioni per risolvere il karma. Tanti di noi lo stanno già facendo ma ora si tratta di comprendere come manifestarlo con sempre maggiore chiarezza, creando una vision di unità e pace in alter dimensioni per poterla attuare qui nella terza. Cymatics è una scienza molto affascinante che ci illustra come determinati patterns nei solidi e nei liquidi si formino in seguito all’esposizione a vibrazioni sonore diverse. Il suono dell’Omh crea il Loto dai mille petali per esempio, Il mantra Kadosh Kadosh Adonai Tsebayoth sono Parole di Fuoco in ebraico che richiamano la luce dei Cieli su di noi. Già dai tempi di Pitagora e la “Musica delle Sfere” tanti scienziati e astrologi discutevano della qualità guaritrice del suono collegandolo anche ai pianeti e le stele fisse. Ogni strumento, la voce e i corpi celesti creano pattern di suono in ogni momento, pattern infiniti e di bellezza straordinaria. La domanda è forse cosa trattiene la mente umana collettiva dall’integrare questi meravigliosi pattern all’interno della cultura globale principale data la loro potenza? Come un torrente che corre velocemente giù dalla montagna dopo una pioggia copiosa, l’energia raccoglie sempre più forza e trova nuovi canali ripulendo al contempo I vecchi. Ognuno di noi con le nostre bellissime menti siamo questi torrenti recanti una spinta immense a ritrovare la fonte, a ritornare ancora una volta al Giardino dell’Eden e a uno stato di Unità di Coscienza.
Molti anni or sono la mia coscienza fu trasformata profondamente dalla scoperta delle poesie di Enhedhuanna, un’Alta Sacerdotessa di Ur. Le sue poesie furono ritrovate sotto alle sabbie del deserto dell’odierno Iraq. Enhedhuanna giocù un ruolo centrale nell’unificazione delle culture Sumere e Akkadiane attraverso i suoi 42 Inni..
Il primo inizia con un tempio antico, non il centro della vita politica, da cui l’umanità si generò dagli oceani. Questo poema dimostra l’unità di tutta la vita umana alla fonte nonostante le differenze politiche o religiose che man mano si vennero a creare. Ecco la prima stanza del suo primo Inno dedicato ad un Tempio in Engur vicino ad un tributario dei fiumi Tigri ed Eufrate e che credo ancora porti una verità profonda dell’umanità, ossia la nostra origine dalla Dea delle Acque. Queste poesie sono tra le più antiche e furono scritte circa 4000 anni fa.

The Eridu Temple of Enki

Il Tempio di Enki a Eridu

Growing between,

This first temple tower split heaven and earth

Whose roots reach Eridu’s dark cella
Watery shrine built for a prince
Water hauled from his pure canal
Pure food gathered from the holy hill
Purest mountain scrubbed clean with soap

‘The Sumerian Temple Hymns of Enhedhuanna: Princess, Priestess, Poet’ by Betty De Shong Meador

Crescendo tra,

La prima torre del tempio che divise cielo e terra

Le cui radici raggiunsero la scura cella di Eridu

Trono acquoso costruito per un principe

Acqua ululante dal suo puro canale

Cibo puro si accumulò dalla collina sacra

La più pura delle montagne spazzolata con sapone

“Gli Inni dei Templi Sumeri di Enhedhuanna: Principessa, Pretessa, Poetessa”

di Betty De Shong Meador
Alison McCabe

( leggi del Viaggio Iniziatico organizzato in Galles pubblicato su questo sito nella Voce Viaggi spirituali)

……………………………………….

The Dissolution of Karma
By Alison Dhunanna (formerly McCabe)

Guest email: astroalison@gmail.com

Mahala’s blog about the Paris situation and karma has led to a lot of discussion and deep thought about the issues surrounding national karma and the often very distressing ways in which it is acted out in the world.

I was born in Johannesburg in 1970 under the Apartheid regime and so this issue of resolving national karma is very close to my heart. As a white child I had an idyllic childhood running barefoot around the veld all day, playing in the river and having a carefree life. Just miles away though the situation unbeknown to me was very different for the African population living in absolute poverty with no rights to own property, mix with whom they chose and have a basic education in their own language. Families were deliberately torn apart and the final insult was that African children were not allowed to learn art. The violence that erupts from such a situation of polarisiation along race and poverty lines was a thick energy of fear and violence that I could not wait to get away from as soon as I left school and immigrated to the UK. However leaving didn’t solve the problem and left me scarred with years of resolving the guilt of the oppressor.

Nelson Mandela was an incredible person who when he came to power eventually was able to bring unity and vision to this polarity. It was only years later watching the film Invictus that I realised the importance and wisdom of some of his key decisions when he took government. For example the civil service, mainly Afrikaans speaking people expected to be sacked, but instead Mandela asked them to stay in their posts and help build a united South Africa. Mandela stood alone in the ANC in not wanting to do away with the Springbok Rugby team, a bastion of Afrikaaner culture, but rather he involved African people in the lead up to the World Cup and when South Africa won I remember weeping as the feeling of unity was overwhelming. South Africa in that moment had risen from the ashes like a Phoenix Bird.

Recently the karma between the Roman and Celtic culture has come strongly into focus and I am very excited that a group of Italians will be visiting the Sacred Sites of Anglesey, North Wales at Winter Solstice where once the Druids were wiped out in this their last stronghold. Wars between the Romans and Celts go back aeons and I recently discovered that the Celts had also once successfully invaded Rome taking pretty much all its silver with them on departure. No wonder then the Romans were so vicious in their invasion of Britain following this humiliation. The question is can we really heal this very old karma through ceremony and song?

The tour is being led by an Italian Holographic Light and Sound healer Darshana P. Tedesco whom I’ve not met personally yet but her work fascinates me. For example she writes about the ‘Holographic Memory and its function in karma dissolution’.

This raises some very profound thoughts about how peace may be brought about in the world and how as Light Workers we can work on other dimensions to resolve karma. Many of us do this already and so it’s a matter of how can we do it with more and more clarity, creating the vision of unity and peace in other dimensions to assist it in manifesting in the Third Dimension. Cymatics is a fascinating science of how patterns in solids and liquids are formed by different sound vibrations. The soundOmh creates the Lotus of a Thousand Petals for example. The mantraKadoish Kadoish Kadoish Adonai Tsebayoth are Fire Words in Hebrew that call the light of heaven to us. Ideas about the ‘Music of the Spheres’ began in our knowledge of history with Pythagorus and many astrologers and scientists took up the mantle of understanding the healing effect of sound through the generations and its connections to the planets and fixed stars. Instruments, voice and celestial objects are creating sound patterns all the time, infinite and incredibly beautiful patterns. The question is perhaps what is blocking the collective human mind integrating these beautiful patterns into our mainstream global culture when they are everywhere and powerful? Like streams rushing down a mountain after the rains the energy gathers pace, become more forceful pushing its way through new channels, cleansing the old paths. Each of us with our beautiful minds are these streams with the overwhelming urge to find the source, to return once more to The Garden of Eden and a state of Unity Consciousness.

Many years ago my consciousness was deeply transformed with the discovery of the poems of Enhedhuanna, a High Priestess of Ur. Her poems were discovered hidden beneath the deserts of present day Iraq. Enhedhuanna played a central role in unifying the Sumerian and Akkadian cultures through her 42 Temple Hymns.

The first poem begins with an ancient temple, not the centre of political life, where humanity originated from the oceans in that culture. This poem showed the unity of all human life at its source despite whatever national or religious differences came to exist. Here is the first Stanza of her First Hymn about a Temple in Engur lying in the tributary between the Tigris and Euphrates rivers which I feel still resonates a truth about humanity that we all come from the Goddess of the Waters. These poems are the oldest known written around 4000 years ago.

The Eridu Temple of Enki

Growing between,
This first temple tower split heaven and earth
Whose roots reach Eridu’s dark cella
Watery shrine built for a prince
Water hauled from his pure canal
Pure food gathered from the holy hill
Purest mountain scrubbed clean with soap

‘The Sumerian Temple Hymns of Enhedhuanna: Princess, Priestess, Poet’ by Betty De Shong Meador

I specialise in Goddess Asteroid and Centaur chart readings which make a great gift to yourself or a loved one. If you are interested in joining the ‘Initiation Voyage in the Land of the Celts’ tour from 20thto 22nd December in Wales, UK please get in touch for more information at astroalison@gmail.com 

Nessun commento

Lascia un commento